Il senatore del M5S, Alberto Airola, interviene in Aula sul ddl Cirinnà e non le manda a dire: “Peccato oggi avremmo potuto festeggiare una legge integra. Non abbiamo fatto un solo voto su questa legge, ricordatevelo per sempre. La senatrice Cirinnà ha già a la sua croce, il suo nome sarà sulla legge di Alfano e Schifani. Andate affanculo“. Il pentastellato ricostruisce l’iter della legge e respinge le accuse per non aver appoggiato il “canguro” a firma dem. “Non si poteva subire questo ricatto, ma noi continueremo a lottare. Mi avete fatto passare come un bugiardo e cinico politico. Zanda ha alzato il bazooka della fiducia”. Al termine dell’intervento alle colleghe Paola Taverna e Daniela Donno scappano alcune lacrime

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili, Calderoli: “Chi vota questa legge andrà all’inferno insieme a Renzi”

next
Articolo Successivo

Unioni civili, innaturale è… Alfano. E non amare i Beatles

next