Il senatore del M5S, Alberto Airola, interviene in Aula sul ddl Cirinnà e non le manda a dire: “Peccato oggi avremmo potuto festeggiare una legge integra. Non abbiamo fatto un solo voto su questa legge, ricordatevelo per sempre. La senatrice Cirinnà ha già a la sua croce, il suo nome sarà sulla legge di Alfano e Schifani. Andate affanculo“. Il pentastellato ricostruisce l’iter della legge e respinge le accuse per non aver appoggiato il “canguro” a firma dem. “Non si poteva subire questo ricatto, ma noi continueremo a lottare. Mi avete fatto passare come un bugiardo e cinico politico. Zanda ha alzato il bazooka della fiducia”. Al termine dell’intervento alle colleghe Paola Taverna e Daniela Donno scappano alcune lacrime

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili, Calderoli: “Chi vota questa legge andrà all’inferno insieme a Renzi”

next
Articolo Successivo

Unioni civili, innaturale è… Alfano. E non amare i Beatles

next