Tanta gente comune e una breve cerimonia laica di non più di un’ora per ricordare uno dei più grandi intellettuali italiani di questo tempo. Questa la volontà della moglie Renate e di Carlotta e Stefano, i figli di Umberto Eco morto venerdì 19 febbraio, a 84 anni. “La gente è qui perché le persone, a differenza di quello che dicono alcuni negli studi televisivi, sanno che l’uomo di cultura e il sapere è un valore insostituibile”, racconta il drammaturgo e autore teatrale Moni Ovadia a ilfattoquotidiano.it. La sobria commemorazione in onore del semiologo, saggista e autore, tra gli altri, de “Il nome della rosa”, è iniziata poco dopo le 15 nel cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco di Milano, la sua città di adozione. “Credo che tutte le persone che amano il sapere – continua Moni Ovadia – devono mettersi insieme e avere consapevolezza che sono molti di più di quelli che si fa credere che siano. Senza dimenticare che 100mila dei nostri giovani migliori se ne vanno perché qui non hanno futuro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, in un video le fasi del duplice omicidio a Saviano dell’11 febbraio

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco e la battaglia contro la Curia romana

next