È stato fermato Gaetano Nunziato, 23enne, per l’omicidio del 18enne Vincenzo Amendola, il cui cadavere era stato ritrovato venerdì 19 febbraio. Amendola, che era scomparso da casa lo scorso 5 febbraio, è stato ucciso con uno o due colpi d’arma da fuoco al volto e seppellito a 50 centimetri di profondità alla periferia della città. Secondo quanto fanno sapere fonti di polizia, Nunziato, che era amico della vittima, è gravemente indiziato dei reati di omicidio aggravato dal metodo mafioso, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e occultamento di cadavere.

Il movente del delitto e i contesti in cui questo è maturato sono oggetto degli approfondimenti investigativi ancora in corso. Nunziato ha precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e stupefacenti.

Il corpo di Amendola è stato ritrovato il 19 febbraio dagli agenti del commissariato San Giovanni-Barra, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio: era seppellito a una profondità di circa 50 centimetri in un terreno agricolo in viale 2 Giugno, alla periferia di Napoli. 

La zona in cui il corpo è stato nascosto è vicina ad alcune case popolari: gli inquirenti hanno lavorato anche per stabilire se il ragazzo sia stato ucciso sul posto o se sia stato portato lì dopo l’omicidio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grosseto, Antonino Bilella condannato all’ergastolo per la morte di Francesca Benetti

next
Articolo Successivo

Gloria Rosboch, l’insegnante trovata morta a Rivara: “L’abbiamo strangolata”. Tre i fermati per omicidio

next