“Sono innocentissimo davanti a Dio, mi affido a voi che siete persone squisite. Non ho ammazzato nessuno, sono una persona onesta e ho sempre lavorato fin da bambino. Lo giuro davanti a Dio. La donna è sacra e non si tocca”. Sono le dichiarazioni spontanee che Antonino Bilella ha rilasciato il 18 febbraio davanti ai giudici nel corso del processo in cui era imputato con l’accusa di aver ucciso Francesca Benetti, l’insegnante di Cologno Monzese scomparsa da Villa Adua di Gavorrano (Grosseto) il 4 novembre 2013. Il settantenne agrigentino, custode della villa della vittima, è stato riconosciuto colpevole dei reati di omicidio premeditato, soppresione di cadavere, stalking e violenza sessuale ed è stato pertanto condannato all’ergastolo, con due mesi di isolamento diurno. L’uomo era già stato segnalato dalla donna, che da lui si sentiva perseguitata: secondo l’accusa l’omicidio è maturato proprio in seguito al rifiuto da parte dell’insegnante 55enne del corteggiamento insistente del custode. La chiave di volta del processo è stato sicuramente il ritrovamento del sangue di Francesca Benetti nel bagagliaio dell’auto di Bilella. Sangue che lo stesso custode della villa aveva cercato di ripulire dalla cucina della villa, dove probabilmente l’ha aggredita alle spalle con un coltello, dopo averla attirata con uno stratagemma.

Rimane invece ancora un mistero dove Bilella abbia occultato il cadavere della donna. “Vediamo se adesso il ‘signor ergastolano’ ci dice ora dove è il corpo” ha infatti commentato Alessandro Benetti, fratello della vittima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isabella Noventa, l’ex fidanzato confessa: “E’ rimasta vittima di un gioco erotico”

next
Articolo Successivo

Omicidio Vincenzo Amendola: fermato un amico del 18enne con colpi d’arma da fuoco al volto

next