Parla, dopo l’intervista al nostro online, ai microfoni de ‘L’Aria che tira’ (La7) la ricercatrice italiana, Roberta D’Alessandro, che ha rifiutato i complimenti del ministro Stefania Giannini per aver ottenuto una borsa di studio ERC: “E’ stato detto di tutto, io volevo solo sottolineare le imprecisioni del ministro. Sono italiana, ma non faccio parte della ricerca italiana. Il mio Paese non ha mai sponsorizzato le mie ricerche“. Poi aggiunge: “Da noi valgono spesso i titoli non accademici. O meglio: le sponsorizzazioni, le raccomandazioni, le parentopoli”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“La Giannini entusiasta degli studiosi italiani? Io non faccio parte della ricerca del mio Paese, che mi ha cacciata”

prev
Articolo Successivo

Ricercatrice vs Giannini, la replica del ministro: “Io non mi vanto, esprimo apprezzamento per comunità scientifica”

next