Parla, dopo l’intervista al nostro online, ai microfoni de ‘L’Aria che tira’ (La7) la ricercatrice italiana, Roberta D’Alessandro, che ha rifiutato i complimenti del ministro Stefania Giannini per aver ottenuto una borsa di studio ERC: “E’ stato detto di tutto, io volevo solo sottolineare le imprecisioni del ministro. Sono italiana, ma non faccio parte della ricerca italiana. Il mio Paese non ha mai sponsorizzato le mie ricerche“. Poi aggiunge: “Da noi valgono spesso i titoli non accademici. O meglio: le sponsorizzazioni, le raccomandazioni, le parentopoli”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La Giannini entusiasta degli studiosi italiani? Io non faccio parte della ricerca del mio Paese, che mi ha cacciata”

next
Articolo Successivo

Ricercatrice vs Giannini, la replica del ministro: “Io non mi vanto, esprimo apprezzamento per comunità scientifica”

next