L’anno prossimo Opel metterà in commercio una nuova vettura elettrica a cinque posti e range extended, l’Ampera-e. Si tratta di un modello che condivide la piattaforma costruttiva con la “gemella” a batteria Chevrolet Bolt, dotata di un’autonomia pari a 320 chilometri e costruita nello stabilimento specializzato di Hamtramck, nei pressi di Detroit. Non è ancora dato sapere se la Ampera-e verrà anch’essa prodotta negli Usa, o sarà destinata ad una fabbrica europea.

La nuova nata, che offre spazio per cinque passeggeri e un portabagagli capiente nonostante le dimensioni esterne compatte, è frutto dell’esperienza fatta con la precedente Ampera e fa parte di una strategia più ampia di allargamento della gamma del marchio Opel. Che prevede l’arrivo sul mercato di 29 nuovi modelli in un periodo di tempo compreso tra quest’anno ed il 2020.

“GM e Opel sono sempre state convinte del ruolo fondamentale che le auto elettriche avranno nella mobilità del futuro. La tecnologia di Ampera-e rivoluziona le regole e costituisce un passo significativo verso la realizzazione di questa idea”, ha dichiarato il presidente e amministratore delegato di General Motors Mary Barra al Car Symposium di Bochum, in Germania. Le fa eco l’amministratore delegato di Opel, Karl-Thomas Neumann: “la nuova Ampera-e aprirà la strada alla mobilità elettrica abbattendo le barriere del prezzo elevato e della bassa autonomia”.

Con ogni probabilità nel vecchio continente la Ampera-e, oltre che lo scetticismo di un pubblico ancora un pò tiepido nei confronti delle vetture a batteria, dovrà affrontare la concorrenza della Bmw i3 e soprattutto della Volkswagen e-Golf.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari GTC4 Lusso, torna la quattro posti a quattro ruote motrici (e sterzanti) – FOTO

prev
Articolo Successivo

Seat Ateca, il primo sport utility spagnolo debutta a Ginevra

next