La Ferrari presenterà un nuovo modello al Salone di Ginevra di inizio marzo e le notizie più interessanti sono sostanzialmente due: prosegue la politica del ritorno ai nomi “classici”, dopo le ultime fantasiose sigle dell’ultima era Montezemolo, e prosegue anche l’investimento sulla trazione integrale. La GTC4Lusso, infatti, altro non è che il corposo aggiornamento della FF (Ferrari Four), la “shooting brake” a quattro posti uscita nel 2011. La sigla che la definisce è un insieme di citazioni storiche di altri modelli, mentre la novità tecnica principale è l’adozione di un inedito sistema a quattro ruote sterzanti chiamato 4RM-S, che dovrebbe aumentare l’agilità alle basse velocità e la stabilità alle alte. Questo sistema lavora insieme alla trazione integrale aggiornato (4RM Evo), che permette di imbrigliare i 690 CV (30 in più rispetto alla FF) a 8.000 giri e i 697 Nm di coppia (10 in più della FF) a 5.750 giri del 6.3 V12 aspirato anche sulle superfici più scivolose. Intendiamoci, questa Ferrari non è certo adatta al fuoristrada, ma si può andare a sciare a Madonna di Campiglio (quasi) senza pensieri.

Altezza da terra, escursione delle sospensioni e pneumatici, sono comunque quelli di una supercar in grado di passare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi, di raggiungere i 335 km/h e con un rapporto peso potenza di 2,6 kg/CV (la massa totale è di 1.790 kg). Numeri impressionanti, raggiunti senza l’ausilio del turbocompressore, che non ha ancora intaccato, in nome di consumi ed emissioni, la purezza dei V12 di Maranello. L’aggiornamento tecnologico, invece, è stato più spinto nella parte elettronica, con il nuovo Slip Side Control 4.0, che si interfaccia con il differenziale posteriore elettronico E-Diff e con le sospensioni attive (SCM-E). Giocando col solito manettino la GTC4Lusso cambia carattere, passando da comoda granturismo a belva rabbiosa, secondo gli umori e la destinazione d’uso preferita dal proprietario. Questi potrà deliziare i passeggeri con il nuovo sistema di infotainment che sfrutta un display da 10,25 pollici e supporta i comandi capacitivi, mentre in opzione c’è un secondo monitor dedicato al passeggero, per “impressionarlo” con dati di ogni genere. Migliorata, infine, anche l’ergonomia dell’interno, con un volante più piccolo e i comandi del cambio posti a sinistra per lasciare spazio a un ampio portaoggetti nel tunnel centrale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Opel Mokka X, al Salone di Ginevra arriva il restyling di mezza vita – FOTO

next
Articolo Successivo

Ampera-e, nel 2017 arriva l’elettrica firmata Opel

next