boldrini675

Fermenti europei a Roma. Il premier Renzi prosegue sulla via imboccata del catastrofismo catartico, di stampo molto toscano (“E’ tutto da rifare”). Il ministro degli Esteri Gentiloni riunisce i colleghi dei sei paesi fondatori dell’allora Comunità economica europea. E la presidente della Camera Laura Boldrini chiama in causa i cittadini e lancia una consultazione pubblica perché possano dire la loro sulle attuali carenze dell’Unione europea, sui risultati finora raggiunti, sul suo assetto istituzionale e soprattutto sulle sue prospettive future.

Nell’iniziativa della Boldrini, c’è la consapevolezza che l’Unione non soddisfa le attese della gente, non è all’altezza dei suoi principi e delle sue ambizioni e non riesce a dare ad esempio concretezza alla cittadinanza europea –come potrebbe avvenire con un ‘reddito minimo di dignità’-. Ma c’è pure la coscienza che, senza il conferimento di sovranità all’Unione, noi europei, che siamo tedeschi o greci, francesi o balcanici, italiani o baltici, siamo condannati alla irrilevanza.

La consultazione, che vuole “passare la parola ai cittadini sullo stato e sulle prospettive dell’Ue”, si muove lungo l’asse dei temi della dichiarazione “Più integrazione europea: la strada da percorrere”, sottoscritta il 14 settembre a Montecitorio dai presidenti delle Camere di Italia, Francia, Germania e del Parlamento del Lussemburgo – allora, il GranDucato aveva la presidenza di turno del Consiglio dell’Ue – e successivamente firmata dai presidenti delle Assemblee parlamentari di altri sette Paesi (Austria, Cipro, Bulgaria, Portogallo, Slovenia, oltre che dei candidati all’adesione Albania e Montenegro – Belgio e Grecia stanno per aggiungersi) e consegnata in dicembre ai presidenti della Commissione e del Parlamento europei Juncker e Schulz.

La consultazione pubblica online, articolata in sette quesiti, partirà venerdì 12 febbraio. E il giorno dopo la Boldrini sarà sull’isola di Lesbo, in Grecia, per riaffermare che nell’isola dell’Egeo, come già a Lampedusa, l’Unione mette alla prova la propria identità: la questione migranti è centrale, nelle attese e nelle ansie dei cittadini europei. Il 22 al 24 maggio, poi, la conferenza dei presidenti dei Parlamenti dell’Ue si riunirà a Lussemburgo: la dichiarazione ‘Più integrazione europea’ vi sarà discussa e c’è l’idea di un ‘pellegrinaggio’ a Schengen, per riaffermare la libertà di circolazione delle persone nell’Unione e dire no a disegni riduttivi.

I progetti della Boldrini vanno oltre, agli Stati uniti d’Europa e a un ritorno a Ventotene che sia non un pellegrinaggio nella retorica, ma a una ripartenza poggiata sull’analisi dei bisogni e sul consenso dei cittadini europei. Un percorso che la presidente affronta – dice – con il sostegno della Camera, che il 10 settembre votò una mozione d’appoggio, in apparente contrapposizione all’attuale contesto dei rapporti tra Ue e Italia. Ma l’idea venne alla Boldrini “in tempi non sospetti”, tra rischi di Grexit e drammi di migranti: la stella polare non è un vantaggio nazionale, ma il destino europeo comune.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, perché è inutile aspettare ripresa (e inflazione)

next
Articolo Successivo

Renzi farà la fine di Berlusconi?

next