Come tutti saprete, sabato scorso al Circo Massimo si è svolto il Family Day dove in quell’occasione Enrico Lucci de “Le Iene” ha intervistato alcuni presenti, ha posto l’accento sull’importanza della tutela legislativa fra le persone indipendente dalla propria tendenza sessuale.

Verona, manifestazione 25 aprile 'Arena di Pace e Disarmo 2014'

Tra i presenti all’evento c’era anche il sen. e vicepresidente del Senato della Repubblica Maurizio Gasparri il quale per denigrare l’intervistatore usa la frase: “Questo è il Family Day, non l’Handicappato Day”. Tale frase per me rappresenta un livello di ignoranza inqualificabile (intesa come non conoscenza).

Un Parlamentare dovrebbe preoccuparsi di discutere e formulare delle leggi per tutelare ogni cittadino nel rispetto della libertà altrui e per tanto vista la considerazione dispregiativa racchiusa nella sua frase verso le persone disabili, non mi sembra adeguato a ricoprire nessuna carica istituzionale e pertanto ritengo che debba dimettersi. Questo non tanto per la frase in se, ma piuttosto perché pronunciandola ha dimostrato di porre l’accento sul tema “diversità”. Il senatore considera i disabili e non solo dei diversi per questo racchiusi in una categoria, da usare all’occorrenza anche come offesa verso persone che in quel momento lo irritano? Ma diversi da chi, senatore?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Family Day, a chi non piace la maternità di Giorgia Meloni?

next
Articolo Successivo

Genitori separati, il Miur tutela i diritti di entrambi. Ma solo sulla carta

next