Non condividiamo le posizioni politiche di Giorgia Meloni. Le sue invettive su immigrazione, accoglienza, solidarietà, diritti civili, sino alle ultime sulla libera scelta della propria sessualità, contengono elementi di intolleranza e si inseriscono nel filone della destra europea più aggressiva e radicale.
Non a caso, di tanto in tanto, ci ricorda di essere nata “dalla parte sbagliata della barricata”, cioè dalla parte dei fascisti.

giorgia_meloni

Peraltro, nel suo caso, non è nata dalla parte sbagliata, ma ha scelto dopo e in modo consapevole di stare da quella parte, quella che è stata segnata anche dalle leggi razziali e della negazione dei diritti e delle diversità. Proprio perché non condividiamo le sue scelte passate e presenti, sentiamo il bisogno di condannare senza attenuanti chi ha scelto, spesso coperto dall’anonimato, di insultarla e di aggredirla perché presto diventerà… madre.

Gli squadristi della rete hanno preso di mira la sua gravidanza, augurando a Lei e al nascituro o nascitura, ogni sorta di maledizione e tutto il male possibile. Gli anonimi mazzieri, che peraltro usano il linguaggio tipico dei razzisti, hanno anche rivendicato il loro diritto all’insulto, alla bestemmia, alla minaccia, perché tali espressioni sarebbero “protette” dall’articolo 21 della Costituzione e dalla libertà della rete e in rete.

Naturalmente di tratta di una idiozia senza fondamento alcuno, anzi un simile uso della rete è un insulto nei confronti di chi ama la libera circolazione delle opinioni, anche le più radicali. Per queste ragioni gli insulti contro Giorgia Meloni non possono trovare alibi, giustificazioni, ammiccamenti furbi ed opportunistici. Quegli insulti sono intollerabili, non solo contro Giorgia Meloni, ma contro chiunque, a prescindere da qualsiasi altra considerazione.

Ci auguriamo che Giorgia Meloni, come qualsiasi altra donna, porti felicemente a termine la sua maternità, per poter, subito dopo, tornare a contrastare con rinnovato impegno le sue posizioni politiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Questo è il Family day, non è l’Handicappato day”. E parte petizione contro Gasparri: raccolte 26mila firme

prev
Articolo Successivo

‘L’handicappato day’? Gasparri si dimetta da ogni carica pubblica

next