Un tuffo nell’acqua gelata del Po. Si rinnova anche quest’anno, a Torino, il tradizionale cimento invernale. La manifestazione, nata nel lontano 1899, è stata organizzata dalla Rari Nantes Torino. La nuotata degli impavidi ‘Orsi Polari’ dal Circolo Canottieri Caprera. Sportivi e non, giovani e meno giovani, tra i quali anche qualche bambino e persino degli ultraottantenni. Tutti armati di costume, ciabatte, accappatoio e… tanto coraggio. Per riscaldarsi, una volta asciutti, non poteva mancare il vin brulé, bevanda calda a base di vino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bikinirama, un mare di featuring: da Zampaglione ai Kutso

next
Articolo Successivo

Carnevale di Venezia, in centomila a piazza San Marco per il volo dell’Angelo

next