Sono circa 2.700, presto ne resteranno pochi o nessuno. Dopo l’accorpamento della Polizia Forestale, un altro pezzo dello Stato scompare lasciando completamente solo l’ambiente e mano libera a chi – distruggendolo – fa affari d’oro. Si avvicina lo scioglimento dei corpi di Polizia provinciale per effetto della riforma degli enti locali. Il 31 gennaio 2016 si chiude, salvo proroghe, la finestra per inserire gli agenti nel portale della mobilità dal quale potranno attingere tutti gli enti pubblici, mentre gli altri resteranno in capo alle regioni. L’incertezza regna sovrana e in molti comandi lo smantellamento è già in corso. Siamo stati al Comando della Polizia Provinciale di Monza e Brianza dove quattro agenti sono già confluiti in altre amministrazioni appendendo la divisa dopo anni di lavoro sul campo e formazione specifica. “Nessuno si occuperà più della cura del territorio, della fauna selvatica e dei reati ambientali”, denuncia il comandante Flavio Zanardo tornando sull’immensa discarica di Desio, assurta alle cronache come la ‘cava dalla ‘ndrangheta’, che fu teatro dell’operazione StarWars, la prima indagine rilevante sull’infiltrazione della criminalità nel sistema dei rifiuti al Nord, antefatto dell’inchiesta Crimine-Infinito, la più importante operazione conto i clan in Lombardia. Gli agenti che per otto mesi documentarono quei crimini convivono oggi con lo spettro della mobilità, la prospettiva di cambiare divisa per diventare effettivi della Polizia municipale e fare le multe o in alcuni casi perdere del tutto il lavoro. Ecco che cosa non potremo più sapere  di Lorenzo Galeazzi e Thomas Mackinson

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trivelle alle Tremiti, Paglia (Sel): “La società che ha ottenuto la concessione alle ispezioni è sull’orlo della bancarotta”

prev
Articolo Successivo

San Francisco: divieto alle bottiglie di plastica e zero-waste entro il 2020

next