C’è tutto il meglio dell’Italia europeista e federalista, nella sala Zuccari di palazzo Giustiniani, ad assistere alla consegna del riconoscimento Altiero Spinelli destinato ai costruttori dell’Europa federale ed assegnato al presidente emerito Giorgio Napolitano. E ci sono le Istituzioni: il presidente Mattarella ed il presidente del Senato Pietro Grasso, padrone di casa, che ricorda, in una stagione in cui volano schiaffi tra Roma e Bruxelles, come “fuori dall’Unione non v’è futuro per l’Europa” e “fuori dall’Europa non v’e futuro per l’Italia”.

Il presidente del Movimento federalista europeo Giorgio Anselmi, che consegna il premio a Napolitano, denuncia “il gioco stucchevole” dello scaricabarile sull’Europa di ogni colpa, nell’intreccio “di conflitti e recriminazioni” tra singoli Stati e tra Stati ed Unione.

Roma: Riconoscimento “Altiero Spinelli” ai costruttori dell'Europa federale al Presidente emerito della Repubblica, Sen. Giorgio Napolitano

Napolitano parla mezz’ora: si commuove sul finire quando evoca Spinelli, di cui ricorrerà a maggio il 30° anniversario della morte; e ripercorre le tappe – e le crisi – del percorso d’integrazione. “Se la costruzione europea vacillasse, noi europei saremmo ai margini” della comunità internazionale, avverte; e sbotta “E’ tempo di reagire al vilipendio menzognero e continuato” dei risultati ottenuti, invitando a non avallare mai “il catastrofismo” anti-europeista.

Tra Roma e Bruxelles, in particolare, “non possono esserci” conflitti veri e propri, ma al più “confronti e chiarimenti”, nella reciproca consapevolezza che “intese ragionevoli” saranno sempre conseguite, specie con la Commissione europea. A livello di Stati, la consolidata solidarietà e la reciproca fiducia, accantonati gli stereotipi, tra i sei Paesi fondatori e in particolare fra i tre Grandi, Germania, Francia, Italia, sono ingredienti essenziali di ogni progetto di rilancio europeo: tra Italia e Germania, dove oggi affiorano tentazioni di contrapposizione, c’è una lunga convergenza e quasi una comunanza di visione e d’interessi.

La drammatica priorità – dice Napolitano – va al problema dei flussi migratori, dove bisogna fare coesistere solidarietà e sicurezza senza rinnegare Schengen. Sul fronte migranti, Grasso aveva denunciato “le paure irresponsabilmente alimentate” e aveva prospettato per i rifugiati “una soluzione equa e solidale”.

Il presidente emerito chiude nel segno di Spinelli: il consenso per l’integrazione tornerà a manifestarsi se ci sarà, anche in Italia, una forte volontà politica per un’Europa unita “dotata di forti istituzioni” e “orientata al federalismo”. L’applauso è corale e convinto: ma questa mattina, nella sala Zuccari, l’europeismo giocava in casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, Rajoy verso incarico. Prove di alleanza Psoe-Podemos. Iglesias al re: “Noi pronti a governo di cambiamento”

next
Articolo Successivo

Migranti, Lagarde: “Sulla crisi l’Europa si gioca la sopravvivenza di Schengen”

next