Luis Bacalov a vent’anni dal Premio Oscar per  La colonna sonora de “Il Postino” ha eseguito il tema del film per la prima volta proprio a Pollara, dove Massimo Troisi girò il suo film. L’occasione è stato il debutto dello spettacolo teatrale “Poetry Soundtrack” che celebra i grandi poeti del cinema: da Pier Paolo Pasolini a Federico Fellini, da Massimo Troisi a Quentin Tarantino e la riscoperta del pugliese Fernando Di Leo, autore del cult-movie Milano Calibro 9. Film come il “Vangelo secondo Matteo”, “La città delle donne”, “Il Postino” e “Kill Bill” non sarebbero quei capolavori che sono senza il genio compositivo e creativo del maestro Bacalov, autore delle colonne sonore.
Il recital è un viaggio che ci propone quelle straordinarie composizioni eseguite in una veste minimale, così come sono nate. A scandire le musiche poesie, monologhi, pensieri, e aneddoti letti dal regista Cosimo Damiano Damato per raccontare il vissuto artistico ed umano degli autori che hanno saputo donare storie civili, sognanti, poetiche e noir con quello slancio chiamato fantasia

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il bimbo ritrova il cagnolino e scoppia in lacrime: boom di visualizzazioni in rete

next
Articolo Successivo

Giancarlo Magalli nudo nella doccia, la scena cult che segna il ritorno dell’ispettore Coliandro

next