I dubbi sulla regolarità della pratica di condono del marito del sindaco di Quarto Rosa Capuozzo sono fondati. La sezione Ambiente della Procura di Napoli, diretta da Nunzio Fragliasso, ha iscritto Ignazio Baiano nel registro degli indagati. L’accusa formulata dal pm Francesca De Renzis è di falso e violazione delle norme edilizie. L’indiscrezione trapela da ambienti giudiziari.

La notizia rafforza la tesi del ricatto di cui sarebbe stata vittima la Capuozzo. Nell’indagine della Dda di Napoli – procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, pm Henry John Woodcock – l’ex consigliere più votato del M5s Giovanni De Robbio è accusato di tentata estorsione alla Capuozzo perché in tre diverse occasioni tra ottobre e novembre avrebbe fatto vedere al sindaco una foto aerea della villa di via Masullo 3, una immagine ripresa dall’alto che proverebbe che la mansarda oggetto del condono è stata realizzata dopo il 31 marzo 2003, la scadenza del termine del condono Berlusconi.

La vicenda dell’abuso divenne di pubblico dominio tra fine ottobre e novembre con la diffusione di un dossier anonimo finito sui giornali. Nel plico, la copia della documentazione riservata dell’integrazione della pratica di condono : la dichiarazione giurata di Baiano, firmata il 21 ottobre, e una perizia giurata di un tecnico di fiducia. C’era anche una foto aerea di via Masullo. All’inizio delle polemiche, la Capuozzo disse ai suoi consiglieri di maggioranza “che era tutto a posto” e non aveva nulla da temere. Il 4 novembre il blog di Beppe Grillo a tal proposito ospitò un intervento della Capuozzo in cui si difendeva dalla accuse: “Le infamie non ci piegheranno”, si legge nell’articolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mps, Procura di Milano chiude indagini sull’acquisto di Antonveneta: 13 indagati. “Vertici cercarono di ingannare i soci”

prev
Articolo Successivo

Banca Etruria, pm Rossi al Csm: “Con insolvenza possibile indagine sui vertici”

next