“Aspettavamo una stella ma tu ci guiderai sei la migliore delle cinque forza che ce la faremo”. Così il 29 maggio Alfonso Cesarano inneggiava alla vittoria di Rosa Capuozzo sulla pagina Facebook personale della candidata sindaca M5s di Quarto. E’ un commento all’ultimo post della Capuozzo prima del silenzio elettorale: “Quarto può cambiare e rinascere”, diceva la sindaca. Attenzione alla data: due giorni dopo si vota per il primo turno delle amministrative. E il commento entusiasta di Cesarano forse è qualcosa di più di un incitamento alla sindaca. E’ un messaggio agli amici. Un messaggio pubblico e visionabile da tutti, perché il profilo è aperto. Un segnale che può e deve arrivare all’esterno. L’imprenditore delle pompe funebri, ritenuto dalla Dda di Napoli colluso col clan Polverino e per cui i carabinieri hanno chiesto l’arresto, sostiene la candidata dei Cinque Stelle. Ed è bene che tutti sappiano lui con chi sta.

Capuozzo e Cesarano sono amici su Facebook e questo può significare tutto e niente. Un politico in campagna elettorale si rende disponibile a tutti e può accettare amicizie anche da sconosciuti o persone di cui non conosce fino in fondo le vicende. Lei ai magistrati ha detto di non sapere quasi nulla della storia dei Cesarano, che si è informata solo dopo le elezioni ed ha appreso “che aveva avuto problemi con la giustizia”. Quel che è certo è che lei, il 29 maggio, due giorni prima del voto, clicca ‘mi piace’ sul commento del re delle pompe funebri arrestato una volta per aver schiaffeggiato pubblicamente un concorrente durante un funerale a Quarto. Cesarano nei giorni scorsi non è rimasto in silenzio sui social network. Solo il 6 gennaio scorso ha pubblicato sulla sua pagina l’intervista rilasciata da Rosa Capuozzo a Fanpage.it in cui diceva di “non avere mai ricevuto minacce da De Robbio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Unioni civili, 30 senatori Pd contro le adozioni. E Gay.it pubblica la lista: “Scrivi al malpancista”. Loro: “Squadristi”

prev
Articolo Successivo

Quarto, quartite e cavillismo

next