Il cadavere di una donna è stato ritrovato vicino a uno scoglio, sulla spiaggia di Marina di Felloniche, in provincia di Lecce. Non lontano da Marina di Novaglie, dove nella notte tra domenica e lunedì 11 gennaio è sbarcato un gruppo di migranti. Si cercano ancora quattro persone, forse tutte donne, che risultano disperse dopo essere state scaraventate in mare dagli scafisti.

Finora il bilancio è di 37 migranti di nazionalità somala rintracciati, cinque dei quali sono stati ricoverati in ospedale per ipotermia e contusioni; una donna morta e quattro dispersi. Secondo quanto raccontato ai soccorritori da alcuni dei migranti, il gruppo – composto da 42 persone – sarebbe partito un paio di giorni fa dalla Grecia, a bordo di un semicabinato.

Tra i cinque ricoverati c’è anche un bambino di 10 anni. Il corpo della donna è stato avvistato da un pescatore che ha dato l’allarme. La vittima è una giovane donna che indossava un paio di jeans arrotolati e un reggiseno. Il suo cadavere ha ricevuto la benedizione del vescovo della Diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, Vito Angiuli, giunto sul posto per assistere i migranti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili