A dicembre la fiducia dei consumatori e delle imprese italiane è diminuita rispetto al mese prima. Ma secondo l’Istat resta “su livelli elevati”, un segnale positivo visto che la fiducia influenza la propensione, rispettivamente, a fare acquisti e a investire. Per quanto riguarda le famiglie consumatrici, questo mese l’indice è sceso a 117,6 punti dagli 118,4 del mese precedente, quando aveva raggiunto il massimo storico. In un anno l’indice è comunque salito di oltre 20 punti. Quanto alle aziende, per loro l’indicatore misurato dall’istituto di statistica cala a 105,8 da 107,1 di novembre. Il valore è il più basso da agosto ed è stato determinato soprattutto dalle flessioni registrate da costruzioni e commercio al dettaglio.

L’Istat spiega come a dicembre tutte le stime delle componenti del clima di fiducia siano diminuite: il calo risulta maggiore per la componente economica, quella riferita alla situazione generale del Paese, che passano rispettivamente a 152,9 da 157,9 e a 109,1 da 111,6. “La differenza è invece più contenuta”, sottolinea l’istituto di statistica, per quel che concerne la sfera personale, familiare (a 104,5 da 105) e quella futura (a 127,3 da 128).

Le imprese sono meno ottimiste rispetto al mese prima rispetto all’andamento atteso delle esportazioni: sale al 29%, dal 28%, la quota delle imprese interpellate che lamenta la presenza di significativi ostacoli all’attività di esportazione. Diminuiscono di importanza quelli legati ai costi, ai finanziamenti e alla burocrazia ma aumentano quelli legati ad altri motivi. Rimane stabile l’incidenza dei paesi Ue tra le destinazioni delle esportazioni delle imprese e la Germania, la Francia e la Cina continuano ad essere considerate dalle imprese italiane tra i maggiori concorrenti internazionali.

I dati sono stati commentati anche dal premier Matteo Renzi durante la conferenza stampa di fine anno: “L’indice di fiducia è spaventosamente alto”, ha detto il presidente del Consiglio, parlando di “un leggero in calo di quale decimale rispetto a quello novembre, registrato prima degli attentati Parigi. Un anno fa era 20 punti più basso”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poste, dall’Antitrust multa di 540mila euro per pratiche commerciali scorrette del libretto di risparmio Smart

next
Articolo Successivo

Banca Etruria, verso inchiesta per bancarotta fraudolenta. Risparmiatori: “Tra vecchi e nuovi istituti c’è continuità”

next