Traffico illecito di rifiuti e disastro ambientale. Sono queste le accuse della Dda di Potenza nell’ambito di un’inchiesta condotta dai pm Francesco Basentini e Laura Triassi, sul Centro Olio Eni di Viggiano (Pz). Tra i 37 indagati ci sono l’attuale responsabile del Distretto meridionale dell’Eni, Enrico Trovato, il suo predecessore, Ruggero Gheller e due ex direttori generali dell’Arpa Basilicata, Aldo Schiassi e Raffaele Vita. Sono inoltre coinvolti altri dirigenti dei due enti ma anche della Regione Basilicata, della Provincia di Potenza e alcuni rappresentanti di Tecnoparco. In un altro filone dell’inchiesta è indagato Gaetano Santarsia, anche lui dirigente dell’Arpa. 

La struttura raccoglie l’olio greggio estratto da molti pozzi della zona. Durante le indagini, iniziate alcuni mesi fa, sono state fatte diverse ispezioni per verificare lo smaltimento di rifiuti prodotti nella struttura, le emissioni in atmosfera, i livelli di diossina e la presenza di inquinanti nel terreno.

Non è la prima volta che struttura finisce al centro delle cronache. A maggio 2015 quando la spiaggia di San Basilio, in provincia di Matera, era stata invasa da dei fanghi neri, Legambiente aveva ipotizzato che all’origine ci fossero smaltimenti illeciti di petrolio proveniente proprio da Viggiano.  Negli ultimi mesi, invece, più volte sono state segnalate delle fiammate provenienti dal Centro Olio provocando l’allarme di tutta la popolazione.

“Le indagini della Procura di Potenza – ha affermato il senatore di Gal Bartolomeo Pepe – sono il segno che la politica del Governo non ha ancora cambiato passo sulla protezione dell’ambiente. Ci si trascina da un’emergenza all’altra senza un disegno organico e che lascia alla magistratura il compito di prevenire i danni alla salute dei cittadini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cop21 a Parigi, aumentano le emissioni di ipocrisia

prev
Articolo Successivo

Cop 21 a Parigi, quale futuro ci attende?

next