Botte, strattoni e urla nei confronti di bambini di una terza elementare. I carabinieri della stazione di Gragnano (Napoli) hanno notificato a due maestre, di cui una di sostegno, la misura cautelare dell’obbligo di dimora per maltrattamenti su alcuni alunni, uno dei quali con disabilità psichica. La misura cautelare, con la prescrizione di non allontanarsi dall’abitazione dalle 8.00 alle 19.00, è stata emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della procura.

L’indagine è iniziata nel febbraio scorso dopo la denuncia di una mamma che ha raccontato che il figlio non voleva più andare a scuola per le violenze subite all’interno della classe della Scuola elementare del primo Circolo didattico Ungaretti-Sezione distaccata Roncalli. Dalle testimonianze e dalle intercettazioni audio e video raccolte dai carabinieri, spiegano gli stessi militari, sono emersi “vari episodi di maltrattamenti sia fisici, come percosse, prese violente e strattoni, sia psicologici, come urla, rimproveri spropositati e spesso ingiustificati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis e Siria, Scaglione (Famiglia Cristiana): “Seguiamo la Russia, Putin non è il male. Le bombe francesi? Propaganda”

prev
Articolo Successivo

Foggia, contribuenti pagano le tasse all’agenzia del politico locale. Per il Comune sono morosi: soldi mai arrivati

next