Sì, per parlare di politica industriale in Italia ci vuole un bel coraggio: lo ammetto.

Da anni mi batto, nel mio piccolo, perché ci si renda conto che non è dai pur rifornitissimi scaffali della Bocconi o della Luiss che possa uscire la soluzione del nostro problema, l’aiuto tanto sperato, la panacea dei nostri mali. E, in effetti, sono anni che i nostri governi si rivolgono ai maghi della Bocconi chiedendo aiuto e conforto, ma finora non è uscito un ragno dal buco. E, mi spiace dirlo, mai potrà uscire. Come mai potrà uscire da qualsiasi altro ‘antro magico’ pur se del calibro di Harvard o del Mit. E, sia chiaro, di questi ‘antri’ io conservo ammirazione sincera e rispetto.

Riflettiamo: non vi sembra che rivolgersi a questi centri di pensiero economico abbia un vago significato di guardare all’indietro, al passato? Dove tende a prevalere la logica del ‘ragioniere’ rispettabilissima, necessaria, ma una ‘logica del post’, non ‘logica dell’ante’, dove l’‘ante’ non ha sede rimanendo grigio, nebuloso, aleatorio?

Ma è proprio vero che sono questi i centri che ‘guardano futuro’, ‘pensano futuro’? Personalmente credo di no: ‘guardare futuro’, ‘pensare futuro’ è un momento di ‘creazione’, non di deduzione da esperienze del passato. I ‘ragionieri’ sono necessari: ma prima di loro devono venire i ‘creativi’. E qui casca l’asino bocconiano o bostoniano.

Un giorno di molti anni fa un consulente aziendale – di cui mi onoro di essere diventato amico, un uomo davvero raro ed eccezionale – mi pose una domanda: “A tuo avviso, in un’azienda che nasce perché qualcuno ha fatto una scommessa, chi ha il compito, chi è – solo ed esclusivamente solo – pagato per ‘pensare al futuro’ della stessa impresa?”. Confesso che ebbi esitazioni, perché il mio pensiero era abituato a ‘vedere’ l’azienda come un insieme di uomini che ce la mettevano tutta per farla prosperare, oggi e domani; e l’unicità di questa figura mi sfuggiva: la risposta era lapidaria: ‘Il Presidente’, ed era vero. Questo compito tocca a lui: non importa se le idee gli possono essere suggerite oppure se sono parto del suo ingegno creativo, il ‘compito’ di pensare futuro spetta a lui, solo a lui.

Il mio amico – che se mi legge ci si riconosce subito – andò avanti: e su quale base può permettersi di ‘pensare futuro’: dispone di una sola arma iniziale, quella che avvia un processo che poi diventerà corale: la ‘fantasia’. E che significa ‘fantasia’? Significa capacità di vedere ‘orizzontale’ (e non in verticale, dove conta la ‘specializzazione’) e anche, udite udite che cosa mai sostengo, di ‘vedere ciò che ancora non c’è’. E di scommetterci sopra la propria faccia.

E qui cominciamo ad arrivare al punto. Una persona dispone di vera ed efficace fantasia creativa quando è capace di ‘uscire dagli schemi’. E’ in assoluto la cosa più difficile che si possa richiedere al nostro affaticato e spremuto cervello. Nella mia carriera ebbi più e più volte occasione di tenere dei meeting a imprenditori, dirigenti: ho avuto occasioni di docenza in diverse Università e perfino al Collegio Ghislieri di Pavia. Io vedevo bene gli occhi fermi, talvolta sbarrati, dei partecipanti quando accennavo alla ‘rottura degli schemi’: dovevo alleggerire la tensione.

Mi venne in soccorso una bellissima e fantastica barzelletta che una sera ascoltai alla televisione raccontata da Walter Chiari. La scena è un bar vuoto: al bancone c’è un barista. Entra un signore, si avvicina al banco e dice al barista: ‘Pppeer …ffavvoore, mi ffaccccia uuun c…caffè esp…ress…o’. Il barista: ‘Sssubbit..o, glieeelo ffacccio dddi vvolla..ta’. E si gira a smanettare sulla macchina. Si apre la porta e entra un pezzo di marcantonio che dice: Cameriere, un caffè espresso al volo, che ho fretta!’. Il barista: ‘Subito signore, al volo, di corsa!!!’. Il primo tizio restò di sasso: ‘MMMaa ccammeriere, alloooora llei mmi preendeeva in ggir..o!? Il barista: ‘Iiioo? Iio ppreeenddevvvo iin ggir..ro qquel..lo là’.

Al di là dei sorrisi, questo è un argomento fondamentale che manca nella nostra vita economica oggi: ma è un argomento fondamentale, strafondamentale, su cui dobbiamo senza fallo tornare.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crescita e Tasi, dall’Ocse uno spot non riuscito

next
Articolo Successivo

​Aeroporto Firenze, ‘bocciato il piano di Carrai’: prendiamo atto che è non è ecosostenibile

next