Ieri la Corte d’Appello dell’Aia ha deciso di confermare la validità del divieto di allevamento di visoni votato dal Parlamento nel 2013Era una sentenza molto attesa, da una parte e dall’altra, perché lo scorso anno una prima sentenza aveva dato ragione alle proteste degli allevatori, secondo i quali l’obbligo di chiudere le proprie attività decretato dal governo non sarebbe stato adeguatamente compensato dal punto di vista economico.

Ma i giudici della Corte d’Appello ieri hanno convenuto e dichiarato che ai 160 allevatori olandesi è stato lasciato ampio margine di tempo per riconvertire le proprie attività senza ripercussioni. Dopotutto se fin da ora è vietato aprire nuovi allevamenti di visoni o espandere quelli già presenti sul territorio. La chiusura definitiva di queste attività sarà decretata solamente nel 2024, lasciando quindi molti anni di tempo per iniziare a ridurre la propria produzione e convertire le aziende investendo altrove.

Già nel 1995 e nel 1997 l’Olanda aveva vietato per motivi etici l’allevamento di volpi e cincillà per farne pellicce. Ma l’allevamento di visoni finora non era stato toccato e la produzione annuale è arrivata ad essere la quarta più importante del mondo, dopo Danimarca, Cina e Polonia. Dall’Olanda viene oggi quasi un decimo della produzione mondiale e un quinto di quella europea: ben 5,5 milioni di pelli di visoni.

Ma da oggi l’Olanda si unisce a Regno Unito, Austria, Bosnia, Slovenia e Croazia. Questi sono infatti i Paesi che in Europa hanno iniziato a dare un segnale verso una moda del futuro che sia sostenibile dal punto di vista etico, ma soprattutto ad ascoltare anche i propri cittadini, che ovunque dimostrano una crescita di sensibilità nei confronti degli animali e nei sondaggi danno un ampio consenso a simili divieti

E l’Italia? La produzione annuale non è nulla in confronto a quella olandese, con circa 180.000 pelli annue e poco più di 20 allevamenti di visoni attivi. Un comparto perlopiù a conduzione familiare e che genera solo una minima occupazione, spesso tra l’altro solo stagionale. Un comparto che produce esclusivamente per export, perché le pelli vanno tutte alle aste di Copenhagen e da lì finiscono in mano ai grossisti di Russia e Cina, Paesi che da soli stanno tenendo in piedi buona parte del comparto mondiale.

Ma in compenso l’Italia è anche il Paese europeo in cui l’opinione pubblica ha espresso il più largo appoggio a un divieto, con il 90,7% delle persone che vede negativamente questa attivitàIn Italia infatti i visoni non soffrono meno di quelli olandesi, austriaci o inglesi. Nascono e crescono nelle stesse piccole gabbie di rete metallica. Gli viene negata ugualmente la possibilità di toccare la terra con le zampe o immergersi nell’acqua, loro habitat naturale. Vengono spinti alla disperazione da questa vita, tanto che aggressività, ferite, uccisioni e persino automutilazioni sono parte del mestiere. Infine vengono uccisi in camere a gas e scuoiati per farne pellicce.

Pertanto cosa aspetta l’Italia a seguire l’esempio virtuoso dell’Olanda e degli altri Paesi europei e iniziare per una volta davvero a seguire il cambiamento morale ed etico che si sta sviluppando nella società? Le pellicce oggi sono qualcosa di ancorato al passato, non riflettono più la società attuale. E soprattutto sembra che nessuno li voglia davvero questi allevamenti, oggetto non solo delle proteste animaliste, ma anche e soprattutto di divieti e mozioni comunali, interrogazioni regionali e parlamentari, raccolte firme e denunce dei vicini infastiditi dall’odore.

Sono ben tre le proposte di legge che chiedono un divieto come quello approvato in Olanda, ma sono tutte ferme alle Commissioni parlamentari di Agricoltura e Sanità. Sono più di 200.000 le firme presentate in diversi momenti a sostegno di queste proposte di legge da parte di Essere Animali. Molte anche le richieste da parte di politici membri delle Commissioni di iniziare a discuterle. Richieste e firme per ora rimaste inascoltate.

Eppure di motivi per seguire l’Olanda in questo caso ce ne sono molti. Almeno 180.000. Il numero di visoni che anche quest’anno a fine novembre verranno messi in camere a gas e scuoiati per farne pellicce.

Fatto for future - Ambiente: le storie più importanti per il futuro del nostro pianeta, con dossier, approfondimenti e video per essere sempre informato

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Tav in Trentino, tra la latitanza della politica e la protesta dei cittadini

next
Articolo Successivo

Elettrosmog, i tribunali smantellano l’ ‘antenna selvaggia’

next