Chiusi in un recinto a cielo aperto, bloccati anche per giorni alla dogana di ponte San Luigi (tra Ventimiglia e la Francia) senza sapere quale sarà il loro destino. È questa la modalità con cui da mesi vengono trattati i migranti trovati senza documenti nelle retate della gendarmerie francese sul loro territorio. Spiega lo scrittore e storico Enzo Barnabà, che vive a Grimaldi, ultimo borgo italiano prima del confine: “Questi migranti stanno parcheggiati lì fino a quando la Croce Rossa non si viene a prendere quelli che arrivano dall’Italia, esclusi i minorenni. Naturalmente queste persone riprovano a passare il confine e questo “ping-pong umano” in alcuni casi è durato anche dieci “round”. Vogliono solo attraversare la Francia per raggiungere il loro “momentaneo paradiso terrestre”: per gli ebrei era l’America, per loro è il Nord Europa. Non capisco perché non si ponga fine a queste sofferenze e non si aprano dei corridoi umanitari come chiede, tra gli altri, Amnesty International”  di Pietro Barabino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Capri, favori a imprenditore: indagato comandante dei carabinieri caduto nella rete dei colleghi del Noe

prev
Articolo Successivo

Sicilia, Leontinoi: il parco archeologico riapre grazie ai fondi europei. Ma dopo un anno è di nuovo chiuso e abbandonato

next