L’ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli con una battuta benedice l’arrivo del Commissario in Campidoglio, l’ex Prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca: “Lo hanno preso per il suo nome Tronca, se si fosse chiamato ‘Continua‘ non l’avrebbero preso no?”. Per Rutelli: “Chi guiderà il Campidoglio nei prossimi mesi dovrà mettere bene le mani negli ingranaggi che si sono sfasciati: dove si è infiltrata ‘Mafia Capitale‘, dove non hanno funzionato tanti aspetti dell’amministrazione. Il doppio lavoro – di Tronca e di Franco Gabrielli, commissario per il Giubileo – spero aiuti la città e poi si tornerà al voto e gli elettori sceglieranno il nuovo sindaco, o sindaca, chi lo sa”. L’ex Sindaco dà un giudizio netto sull’esperienza di governo della Capitale da parte di Ignazio Marino: “La città era molto mal ridotta e l’amministrazione assai poco funzionale. La città è stata certamente amministrata in modo catastrofico dalla Giunta guidata da Alemanno, ma anche in modo assolutamente inadeguato durante la Giunta Marino. Se voi chiedete alle persone in carne e ossa, fuori dal circuito politico, il giudizio sull’amministrazione era molto negativo”. Poi Rutelli schiva le domande sul Pd e su quanto accaduto lo scorso venerdì, con le dimissioni in massa dei 26 consiglieri comunali (19 dei quali dem), impedendo il confronto nell’Aula Giulio Cesare come chiesto da Marino: “Non mi pronuncio sulla parte politica. Il Pd? Non ho titolo per dare pagelle. Io non mi candido a nulla, non accetterò candidature. Roma – conclude Rutelli – è una città civile a patto che non si faccia afferrare dai suoi demoni che ci sono e che sia governata”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decadenza Marino, al Pd senza bussola non basta ‘smaltire’ l’ex sindaco

prev
Articolo Successivo

Roma, Luxuria: “Tronca? Scelto dal Vaticano, a me sembra un becchino”

next