E’ Laura Cioli il nuovo amministratore delegato di Rcs MediaGroup. A tre settimane dalle dimissioni di Pietro Jovane, il consiglio di amministrazione del gruppo di via Rizzoli ha scelto la manager che guida Cartasì. Cioli, ingegnere con Mba alla Bocconi, è infatti dalla scorsa primavera consigliera dell’editore del Corriere della Sera oltre che di Telecom Italia, Salini Impregilo e World Duty Free. In passato era stata direttrice generale di Sky Italia (2008-2012), senior vice president di Eni Gas & Power (2006-2008) e prima ancora executive director di Vodafone Italia.

Cioli dovrà ora mettere a punto un nuovo piano industriale per un gruppo dal perimetro molto cambiato negli ultimi mesi, con la decisione di vendere la Libri a Mondadori, e con un indebitamento netto atteso nell’ordine dei 350 milioni a fine anno (Libri inclusi). Primo ostacolo, la finalizzazione della trattativa con le banche creditrici per rivedere i termini del finanziamento e convincerle a considerare la vendita dei Libri come sufficiente a non far scattare le clausole (covenant) previste dal contratto, evitando così una nuova tranche di aumento di capitale. Anche se già avviata, poi, spetterà a Cioli chiudere un’ultima cessione, quella di veo tv in Spagna.

Intanto il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo Carlo Messina ha ribadito l’intenzione della banca di cedere la propria quota: la società editrice è soltanto “una delle 300-400mila aziende a cui il gruppo ha erogato prestiti, quindi non mi preoccupo di Rcs più di quanto non mi preoccupo delle altre”, ha detto Messina. Il manager è poi sembrato escludere che l’istituto possa partecipare a una nuova ricapitalizzazione: “Certamente sapete che non abbiamo una particolare attitudine a seguire operazioni che non siano nel core-business della banca”, ha ricordato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trenitalia, Tar Lazio: “Eccessiva la multa dell’Antitrust per pratiche commerciali scorrette. Va rivista”

prev
Articolo Successivo

Volkswagen in rosso per la prima volta dopo 15 anni dopo lo scandalo emissioni. Perde 1,67 miliardi

next