Lo stalking fa un’altra vittima, ma stavolta la storia è diversa dal solito. Ad Arma di Taggia, in provincia di Imperia, un trentunenne ha ferito una donna e poi si è tolto la vita. L’uomo, appuntato dei carabinieri in servizio a Vallecrosia, ha sparato colpi di arma da fuoco alla testa di una 33enne originaria della provincia di Brescia ma domiciliata a Taggia e dopo ha rivolto la pistola contro se stesso.

Pare che all’origine della lite violenta tra i due ci sia un’amicizia fraintesa, con la donna convinta che ci fosse qualcosa di più. La 33enne non accettava la fine del rapporto di amicizia, decisa dal carabiniere, il quale solo poche ore prima del fatto aveva avuto una discussione in famiglia provocata dalle continue telefonate e dai messaggi della donna alla moglie. Il gesto di stanotte, dunque, sarebbe stato causato dalla frustrazione del ragazzo che, poco dopo le 2, ha esploso due colpi di pistola, regolarmente detenuta: il primo contro la donna, trasportata in gravi condizioni all’ospedale di Pietra Ligure, il secondo contro se stesso, morendo sul colpo. L’arma usata sarebbe una Smith and Wesson calibro 38 e non la pistola d’ordinanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catanzaro, diciottenne ucciso per uno spinello non pagato. Fermato il presunto assassino

prev
Articolo Successivo

“Il libro dell’incontro”, dialogo tra ex terroristi e vittime. “Così le nostre vite sono cambiate”

next