regione lombardia palazzo_640

Negli ultimi giorni sono state scoperte nuove truffe ai danni dello Stato consenzienti i medici e le strutture sanitarie: i medici come firmatari delle Sdo (scheda dimissione ospedaliera); i responsabili delle strutture sanitarie come richiedenti rimborsi non appropriati.

Così a Piacenza si è scoperta una casa di cura convenzionata dove i pazienti venivano visitati e curati ambulatorialmente mentre venivano richiesti rimborsi da degenti. Danno allo Stato 1,2 milioni di euro. A Roma uno degli italiani più “nominati”, Mastrapasqua, a capo anche dell’ospedale israelitico è agli arresti domiciliari per rimborsi gonfiati di prestazioni sanitarie alla Regione Lazio. Il 94% delle cartelle cliniche era stato alterato per far risultare prestazioni più costose rispetto a quelle effettivamente erogate.

Se questo avviene ancora vuol dire che il sistema di controllo sulle prestazioni sanitarie basato sui rilievi cartacei (Sdo e cartelle cliniche) non è sufficiente ad arginare gli abusi. Da anni porto avanti una battaglia per cercare di applicare il mio sistema di controllo a campione sui pazienti. Difficilmente medici compiacenti sarebbero disposti a firmare Sdo sapendo che possono essere smentiti facilmente da cittadini-pazienti che si sono sottoposti a diagnosi e/o cura. In questa ottica, e nell’impegno civico che ritengo fondante, si pone la mia partecipazione al bando di selezione di direttore e/o membro della nuova Agenzia di Controllo della Regione Lombardia.

Nei prossimi giorni si apriranno le buste e sapremo se due lavori scientifici pubblicati nel 2003 e nel 2008, dedicati all’applicazione pratica di un nuovo sistema di controllo, insieme all’esperienza ultratrentennale di medico potranno essere vincenti su spartizioni di poltrone esclusivamente politiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Design, chi progetta la ‘buona società’?

prev
Articolo Successivo

Giustizia Minorile, Napoli vara progetto di formazione e riscatto sociale in barca grazie a veliero sequestrato

next