La Giustizia Minorile punta sulla marineria per la formazione e il riscatto sociale dei ragazzi in carico. Utilizzando un’imbarcazione sequestrata alla criminalità organizzata. Il 15 ottobre scorso il veliero Green Pepper – bene demaniale affidato al Centro Giustizia Minorile per la Campania dal Tribunale di Reggio Emilia – è partito dal porto di La Spezia per far rotta su Napoli. Nel capoluogo campano verranno realizzate le fasi successive del Progetto educativo-formativo L’Arca di Partenope. “A Napoli si realizzeranno le attività più pregnanti, con l’avvio sull’imbarcazione di una vera e propria Scuola del Mare – spiega una nota – dove i giovani potranno acquisire specifiche competenze spendibili nel mercato del lavoro, oltre a ricevere una opportunità di crescita e di riscatto sociale che permetta loro di sviluppare senso di responsabilità e capacità di agire in team”.

L’imbarcazione sarà utilizzata infatti prima come laboratorio per l’insegnamento dei lavori connessi alla manutenzione e restauro delle imbarcazioni da diporto, successivamente come cantiere e nave scuola dove, in maniera permanente, gli stessi giovani acquisiranno le competenze per diventare marinai, motoristi, impiantisti, ecc. grazie alla presenza a bordo degli esperti dei partner istituzionali dell’iniziativa oltre a professionisti già impegnati in attività marinare. Tra gli enti e le istituzioni che hanno reso possibile l’iniziativa, la nota cita innanzitutto la Guardia di Finanza, “che nel 2010 sequestrò il veliero sottraendolo alle maglie della criminalità riuscendo, in seguito, a veicolarlo giuridicamente verso un progetto di spiccato senso filantropico”.  La delicata fase organizzativa connessa al trasporto del veliero è stata invece resa possibile anche grazie alla “fattiva collaborazione del Centro Navale e Sommozzatori della Polizia di Stato, della Marina Militare e dell’Università del Mare”. Mentre la fase campana del progetto interistituzionale, proposto dal Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità – Centro per la Giustizia Minorile per la Campania, vedrà la sua realizzazione grazie al contributo di Guardia di Finanza, Marina Militare, Aeronautica Militare – Comandi Territoriali e Lega Navale Italiana sezione di Napoli e Pozzuoli.

“È doveroso, inoltre, ringraziare tutti i soggetti che, in questa fase, pure hanno dato il proprio contributo a sostegno dell’iniziativa. Tra questi, oltre all’Ufficio delle Dogane di La Spezia e la Caritas diocesana, la SIMAN srl, il Cantiere Canaletti, la ContshipItalia e la Compagnia di Navigazione MSC, che grazie all’intervento del suo presidente, Mr Gianluigi Aponte, ha reso possibile il trasferimento a mezzo nave del veliero in argomento”, spiegano il direttore dell’Ufficio delle Dogane della Spezia, Elvio La Tassa e il dirigente del Centro Giustizia Minorile per la Campania, Giuseppe Centomani. Che cita anche “l’ASGAM e il Club Nautico della Vela di Napoli, senza dimenticare gli sponsor per la comunicazione: Manfrotto – VITEC Group, Fondazione Banca Nazionale delle Comunicazioni e Libera Campania”.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sanità, è indispensabile un nuovo sistema di controllo

next
Articolo Successivo

Airbnb, gli ospiti fanno danni in casa? Proprietari coperti fino a 800mila euro

next