Sarà il bel tacer scritto dagli scrittori italiani, sarà che la memoria è corta come una coperta, sarà che l’Italia è anche (troppo spesso) questo (difendere la libertà dell’amico per un favore dell’amico…) o sarà quell’Italia che fa la la resistenza solo con la pelle di chi è morto 70 anni fa, ma ignorare il processo a Erri De Luca, qualunque sia la sentenza, è un po’ come tacere e legarsi le mani da soli. Perché se alle parole (di censura) seguono i fatti, al silenzio (connivente) segue la colpa.

Erri De Luca vignetta

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Erri De Luca: “Se mi condannano vincerà un articolo del codice fascista”

next
Articolo Successivo

Erri De Luca assolto nel processo sulla “istigazione al sabotaggio” della Tav: “Impedita un’ingiustizia”

next