Sarà il bel tacer scritto dagli scrittori italiani, sarà che la memoria è corta come una coperta, sarà che l’Italia è anche (troppo spesso) questo (difendere la libertà dell’amico per un favore dell’amico…) o sarà quell’Italia che fa la la resistenza solo con la pelle di chi è morto 70 anni fa, ma ignorare il processo a Erri De Luca, qualunque sia la sentenza, è un po’ come tacere e legarsi le mani da soli. Perché se alle parole (di censura) seguono i fatti, al silenzio (connivente) segue la colpa.

Erri De Luca vignetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Erri De Luca: “Se mi condannano vincerà un articolo del codice fascista”

prev
Articolo Successivo

Erri De Luca assolto nel processo sulla “istigazione al sabotaggio” della Tav: “Impedita un’ingiustizia”

next