Tra le tante aziende messe in ginocchio dal nubrifragio che la notte tra il 14 e il 15 ottobre ha colpito il beneventano c’è anche il pastificio Rummo. La Rete si è subito mobilitata per aiutare l’azienda a riprendere la propria attività: su Facebook è stato organizzato un evento che ha accolto in pochissimo tempo migliaia di iscritti mentre su Twitter è nato l’hashtag #saveRummo con l’invito ad acquistare un pacco di pasta e a pubblicarne la foto.

“Cari amici, Benevento è stata colpita da un’alluvione enorme che ha causato danni ingenti in tutta l’area. Durante questo disastro ambientale il pastificio Rummo è stato duramente coinvolto.
Si apprende dalla stampa che macchinari, materie prime, quintali di prodotti siano andati distrutti creando un’enorme difficoltà per l’azienda: “Ci basta guardare i volti degli operai per capire quanto sia grave quello che è successo”, questo il messaggio pubblicato su Facebook da alcuni utenti.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Squirting, la parola più cercata dalle donne nei siti hard: tutto quello che avreste voluto sapere (e mai osato chiedere)

next
Articolo Successivo

Cabin Porn, fuga dalla routine in baite da sogno (anche in Italia) (FOTO)

next