Dopo il folle Mad Max: Fury Road, Charlize Theron torna sul grande schermo al fianco di Nicholas Hoult per Dark Places – Nei Luoghi Oscuri, il nuovo film di Gilles Paquet-Brenner ispirato all’omonimo romanzo di Gillian Flynn, autrice del successo Gone Girl – L’Amore Bugiardo. Il regista francese che ha diretto il commovente La Chiave di Sara nel 2010, torna dietro la macchina da presa per un thriller costruito su omissioni, incomprensioni e sensi di colpa all’interno di una piccola comunità della provincia americana.

Libby Day è l’unica sopravvissuta alla strage in cui hanno perso la vita la madre e le sorelle. Era una bambina quando tutto è successo sotto i suoi occhi e, interrogata dalla polizia, aveva accusato il fratello Ben del massacro. A distanza di venticinque anni, Libby è ormai una donna adulta prigioniera del suo passato e l’incontro con il “Kill Club”, un gruppo di appassionati di cronaca nera che si riunisce per investigare e risolvere i casi criminali più eclatanti, la riporta a quei tristi e drammatici ricordi suo malgrado. Vista la sua penosa situazione economica la donna accetta di collaborare, riesaminando gli eventi di quella notte e mettendo nuovamente in discussione i colpevoli e le vittime di quel macabro gioco.

La sceneggiatura procede attraverso continui salti temporali, definendo due filoni narrativi che rendono il film fruibile su due livelli. Questa struttura risulta fluida e attenta ai dettagli, giocando spesso con inquadrature in soggettiva responsabili di un effetto claustrofobico necessario e adatto alla storia. Il passato e il presente si alternano creando un ritmo dinamico e alimentano la curiosità dello spettatore che non vede l’ora di conoscere la verità. Non mancano infatti i colpi di scena poiché la trama si mantiene poco intuibile dall’inizio alla fine. Charlize Theron mette ancora una volta da parte il suo aspetto da copertina, vestendo i panni di una donna indipendente ma estremamente fragile, che non è riuscita a vivere dopo una violenta tragedia e l’enorme perdita. Restiamo con il fiato sospeso mentre la sua mente si sforza di ricordare quella buia notte e brevi immagini arrivano come un fiume in piena a completare gradualmente il quadro generale come piccoli tasselli.

La quotidianità della famiglia Day e la vita privata di Ben vengono sgretolate dall’omertà e la superficialità della piccola città che non si risparmia in accuse di abusi sessuali, satanismo e altri atti orribili per semplici ripicche o meschine vendette. Libby vive tra sogni ad occhi aperti e sogni ad occhi chiusi, in un clima di confusione emotiva in cui trasporta lo spettatore. Siamo lontani, tuttavia, dalla tensione e dal carisma di Gone Girl, ma Dark Places – Nei Luoghi Oscuri è una storia di ricostruzione, coinvolgente ed intrigante anche se non molto originale. Accanto a Charlize Theron brillano un’ambigua e provocante Chloe Grace Moretz, una convincente Christina Hendricks, mentre Nicholas Hoult non lascia il segno come il debole e monoespressivo Tye Sheridan.

Un donna con il cuore in frantumi prova a ricostruire la sua vita e recuperare il rapporto con un fratello ritenuto un serial killer insensibile e folle. Il dramma gioca con l’inquietudine e il desiderio, confezionando un film da vedere con le giuste incognite e riserve.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

The Lobster, arriva al cinema il 15 ottobre il film che sfida il pensiero dominante in materia di ovvietà sentimentali

prev
Articolo Successivo

Festa del cinema di Roma, apre “Truth” con Cate Blanchett: sul grande schermo, uno dei casi giornalistici più discussi di sempre

next