“Credo che alcuni nostri partner semplicemente abbiano il cervello in pappa”. E’ la critica sferzante che Vladimir Putin ha lanciato agli Stati Uniti, colpevoli – a suo avviso – di non condividere con Mosca informazioni d’intelligence sulla Siria. “Questo non è un gioco”, attacca il presidente russo durante il forum economico “Russia calling” di Mosca.

“Abbiamo chiesto (agli Usa, ndr) di darci gli obiettivi che loro considerano al 100% di terroristi. Ma la loro risposta è stata: no, non siamo pronti. Poi abbiamo pensato e fatto un’altra domanda: potreste dirci dove non dobbiamo bombardare? Non c’è stata alcuna risposta”, aggiunge il leader del Cremlino che ha fatto sapere di aver proposto agli Usa “un incontro ad alto livello politico e militare a Mosca” sulla questione siriana. La Russia è pronta a “mandare una grande delegazione a Washington” con a capo il premier Dmitri Medvedev. Ma “finora”, dice Putin, non c’è stata nessuna reazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giamaica, la prigione di Sua Maestà

prev
Articolo Successivo

Malesia, Banca centrale contro premier: “Ha rubato 700 milioni di dollari di fondi pubblici”

next