Ci sono anche due carabinieri e un poliziotto tra le 24 persone arrestate nel corso di un’indagine della Squadra mobile di Latina e dell’Unità indagini patrimoniali del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato. Bersaglio dell’operazione il clan di origine rom dei Di Silvio, legato ai Casamonica radicato nel capoluogo pontino, promossa e diretta da tre persone, residenti a Latina, tra cui Costantino Di Silvio, detto “Cha Cha”, ritenuto dagli inquirenti capo clan. Tra gli arrestati anche alcuni parenti del capoclan Vittorio Casamonica, i cui funerali show hanno provocato polemiche a Roma.

I reati contestati, fa sapere la polizia, vanno dall’associazione per delinquere finalizzata all’estorsione, all’usura, alle minacce e lesioni, al porto e detenzione abusiva di arma da sparo anche da guerra, alla rivelazione di segreto d’ufficio per fini patrimoniali nonché a singole fattispecie di reato relative all’illecita detenzione e vendita di cocaina, al furto in abitazione, all’intestazione fittizia di beni ed alla corruzione per l’esercizio della funzione. Sequestrati beni per 12 milioni di euro.

Le indagini sono iniziate ad agosto 2014, dopo che il ferimento a colpi d’arma da fuoco di un tabaccaio nel centro di Latina. Dalle indagini, fa sapere la polizia, è emersa l’esistenza di un associazione per delinquere radicata nel capoluogo pontino che poteva contare su legami con le istituzioni e con la pubblica amministrazione. L’organizzazione aveva un’ala militare. Nel corso dell’operazione sono state sequestrate molte armi, alcune da guerra.

Ecco gli arrestati: Gianluca Tuma, Costantino “Cha Cha” Di Silvio, Natan Altomare, Giuseppe “Peppone” Travali, Salvatore “Bula” Travali, Angelo “Palletta” Travali, Francesco Viola, Angelo “Calo” Morelli, Fabrizio Marchetto, Cristian “Schizzo” Battello, Riccardo Pasini, Davide Giordani, Francesco Falco, Alejandro “Bortolo” Bortolin, Antonio “Caniggia” Neroni, Antonio Giovannelli, Dario Gabrielli, Ionut Necula, Adrian Costache, Alexander Prendi, Ionel Caldararu.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Denise Pipitone è viva ed è qui a Tito, in Basilicata”: la telefonata e i nuovi indizi al TgR Rai. I carabinieri indagano

next
Articolo Successivo

Report: “All’asta i nostri premi per la famiglia di Korol”, l’ucraino ucciso in una rapina a Napoli

next