Graziano Stacchio nominato socio onorario dei cacciatori veneti. Il benzinaio di Nanto (Vicenza) che era intervenuto per sventare una rapina in una vicina gioielleria e con un colpo di fucile da caccia aveva ferito un rapinatore poi abbandonato dai complici e morto dissanguato. Il consiglio direttivo dell’Associazione cacciatori veneti (Confavi) presieduto da Maria Cristina Caretta (già candidata alle politiche del 2013 con Fratelli d’Italia) ha diramato un comunicato nel quale spiega le ragioni della scelta: “L’Associazione cacciatori veneti ha voluto, sin da subito, schierarsi al fianco di Graziano Stacchio anche promuovendo una raccolta fondi per la difesa legale di questo esempio di coraggio. Oggi la nostra Associazione ha voluto insignirlo di questo importante riconoscimento per aver fornito, in maniera esemplare, un grande esempio di altruismo nel saper mettere in gioco la propria vita per difendere quella di altre persone innocenti”. Con questo riconoscimento, ha continuato Maria Cristina Caretta “abbiamo voluto dire un grande grazie a Graziano Stacchio da parte di tutti gli iscritti all’Associazione cacciatori veneti”.

Di fronte al dubbio che una onorificenza di questo genere, concessa da un’associazione di persone che tengono uno o più fucili in casa, possa suonare come un invito ad intervenire armi in pugno in nome della legittima difesa, la presidente dei cacciatori ha ribadito il punto: “No, assolutamente, per me Stacchio è un eroe nazionale, io sono per la legittima difesa. Se uno mi entra in casa armato e magari non si accontenta di rubare, ma mi violenta la figlia o mi picchia io voglio potermi difendere. E mi batterò affinché la legge – che già esiste – venga applicata in pieno”. Stacchio, insomma “va premiato per il  coraggio”, ha risposto al fuoco con il fuoco e merita l’iscrizione ad honorem all’associazione dei cacciatori.

 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Metro Roma, sulla linea A crolla il controsoffitto a Piazza di Spagna: “Treno evacuato e traffico interrotto”

next
Articolo Successivo

Bergoglio rientra da viaggio Usa-Cuba. “Papa è servo dei servi di Dio, non una star”

next