Il piccolo comune di Nissoria, quasi 3 mila abitanti in provincia di Enna, è stato portato alla ribalta nazionale per la scelta del primo cittadino: l’imprenditore Armando Glorioso, specializzato nei preparati di carne, ha aderito a “Noi con Salvini”, facendo diventare la sua città la prima a essere governata dal Carroccio sull’Isola. “Ho avuto molti messaggi di stima e ammirazione per la mia scelta, in tanti condividono la mia decisione”, spiega Glorioso, eletto nel 2012 con una lista civica appoggiata dal centro-destra. In paese però in molti, nonostante l’ammirazione per il sindaco, sono contrari alla Lega Nord. “E’ una sua scelta, ma Nissoria non è leghista”, “Non li voterò mai, sono dei razzisti”, “Mi sembra una cosa ridicola“, sono solo alcune delle risposte dei nissorini. “Noi siciliani non dobbiamo prendercela con la Lega – puntualizza il sindaco Glorioso – ma con i rappresentanti politici di tutti i partiti, che sono andati a Roma, dal 1860 ad oggi, e hanno fatto i loro interessi” di Saul Caia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sondaggi politici, Ixè: “Pd sale a 34 per cento, M5S a 23, cala la Lega. Fiducia per Di Maio leader al 26%”

prev
Articolo Successivo

“Riforma Renzi? Fetenzìa, la voto”. D’Anna vs D’Anna, ecco perché moriremo verdiniani

next