Non è la MotoGP di Marc Marquez e Daniel Pedrosa ma il propulsore che la muove è parente stretto di quello della Honda campione del mondo. Si chiama Project 2&4 e molto probabilmente sarebbero curiosi di farci un giro pure gli acerrimi rivali Rossi e Lorenzo, sempre che la Yamaha gli dia il permesso. Questo strano ibrido tra un’auto da corsa, una moto e grosso go-kart è un prototipo in esemplare unico, frutto di un concorso – Global Design Project – promosso dalla Honda stessa per stimolare tutti i suoi centri stile in giro per il mondo. Il compito era partire da un “foglio di carta bianca” per definire le linee guida delle Honda di domani.

È ancora presto per sapere se il team moto di Asaka e quello auto di Wako, vincitori del progetto, hanno davvero tracciato il futuro del marchio, ma intanto la loro Honda Project 2&4 debutterà al Salone di Francoforte, mostrando il carattere estremamente versatile dell’azienda dell’Ala dorata. Il motore posto centralmente, infatti, è il V4 999 cc della RC213V, cioè la moto stradale derivata strettamente da quella che corre in MotoGP. Eroga 215 CV di potenza a 13.000 giri e ha una coppia di 118 Nm a 10.500 giri, mentre la massa complessiva è di soli 405 kg. Con la trazione posteriore e il cambio doppia frizione DCT a 6 rapporti il divertimento è assicurato. Le dimensioni compatte (3 metri di lunghezza, 1,8 m, di larghezza e 99 cm di altezza) infine, la fanno somigliare a un grande go-kart, con soluzioni avveniristiche come il sedile sospeso che pone il pilota a pochi centimetri dal suolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi SQ5 plus e Range Rover Sentinel, una Suv per ogni gusto: pronto pista o blindata

next
Articolo Successivo

Salone di Francoforte 2015, c’è anche la Smart limousine, 6 posti e 6 ruote – FOTO

next