Nata a due posti, con la nuova generazione sviluppata attorno al progetto condiviso da Daimler e Renault, torna anche a quattro. Ma a sei posti non si era vista mai, e per giunta lunga 5 metri e mezzo (ben oltre l’attuale generazione di un modello esclusivo come BMW Serie 7, ad esempio). È Smart MadeForSix, una tascabile extralarge realizzata in esemplare unico per Limouzine, la società di noleggio tedesca che l’ha voluta e che, tra l’altro, la esibisce al Salone di Francoforte 2015.

La MadeForSix è una versione “dopata” della “vecchia” Smart Fortwo, a tre assi e quindi con sei ruote, quattro delle quali al posteriore per supportare la carrozzeria allungata. Dentro l’abitacolo ci sono tutti i lussi che si possono permettere le grandi star. Non che la MadeForSix non sia appariscente, ma di sicuro lo è meno rispetto ad altri modelli destinati al noleggio per feste e grandi eventi. Nella parte posteriore ci sono quattro sedili, con tanto di scomparto per una bottiglia di champagne da servire alla giusta temperatura, e uno schermo ultrasottile per vedere ciò che si vuole. Oltre all’autista, un passeggero può essere ospitato nel secondo sedile anteriore, anche se con un comfort decisamente più limitato rispetto a chi siede dietro.

La Smart XXL dispone un motore da 120 CV. L’accesso all’abitacolo avviene attraverso esclusiva portiere ad ali di gabbiano. Gli pneumatici sono montati su cerchi in lega da 18”. Pare che la Smart MadeForSix non sia l’unica soluzione “su misura” che la società Limouzine abbia in serbo: in ballo ci sono altri progetti, per il momento ancora segretissimi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salone di Francoforte 2015, Honda Project 2&4 MotoGP, un po’ auto, un po’ moto

prev
Articolo Successivo

Alfa Romeo, Marchionne: “Giulia meglio delle tedesche”. E dopo arriva la Suv

next