CAREGIVERIl prossimo 17 settembre, grazie all’impegno immenso del Coordinamento Famiglie Disabili Gravi e gravissimi, Maria Simona Bellini e Chiara Bonanno, saranno a Bruxelles. La notizia, riportata anche dalle agenzie di stampa è un passo importantissimo per tantissime famiglie che impegnano la loro esistenza nell’accudimento e la cura dei propri cari.

Ma non c’è solo l’aspetto concreto riportato dalla stampa a rendere essenziale questa battaglia, a mio avviso ci sono aspetti psicologici e motivazionali non meno essenziali. Le non vacanze che ci hanno spezzato la schiena, in senso lato e non; il periodo di massima solitudine, di dispendio di energie e risorse che troviamo sull’onda della necessità estrema è stato alleviato da questo obiettivo comune.

Settembre ci vede allo stremo più di ogni altro periodo. Non solo per ciò che negli ultimi mesi abbiamo affrontato con patologie ancor più amplificate dal caldo e dalle condizioni di salute, bensì per la stagione scolastica, riabilitativa e tutta la gestione necessaria in questo periodo.

Le nostre lotte sono più intense grazie alla sentenza del Tar che riconosceva la nostra vittoria sul nuovo Isee ma impugnata e mai rispettata, con conseguenze sulle spese per centri diurni, farmaci, visite e ausili. La Buona Scuola è una grandissima incognita e in alcune zone l’assistenza che sia domiciliare o scolastica è nel centro del mirino.

Questo viaggio apre con forza la speranza di tante famiglie che non vogliono mollare. Tantissime famiglie che nonostante i soprusi, le torture inflitte da uno Stato carente e assente, vivono amano e credono nel loro cari. Un retro gusto amaro che mi pervade  dover andare a Bruxelles a far richiamare la nostra Italia che da sola sembra proprio non voler capire e appare totalmente indifferente alle necessità di migliaia di famiglie.

Vorrei ringraziare queste due mamme che per affrontare questo viaggio compiono un vero miracolo. Credetemi, lasciare i loro figli non è uno scherzo. Eppure vanno, e con loro noi ci saremo tutte.

Grazie Chiara, grazie Simona e grazie a tutte le persone che hanno firmato e che continueranno a supportare questa battaglia. In bocca al lupo!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marcia degli scalzi, anche Articolo 21 contro muri e razzisti

prev
Articolo Successivo

Emergenza rifugiati: accoglienza, convenienza e ipocrisia

next