Un operaio è precipitato in un pozzetto, il collega ha cercato inutilmente di afferrarlo ed è caduto subito dopo di lui. Sono morti intorno alle 11 mentre erano al lavoro nel polo petrolchimico di Priolo Gargallo a Siracusa Salvatore Pizzolo (37 anni) e Michele Assente (33 anni). L’incidente si è verificato mentre stavano facendo lavori di manutenzione alla rete fognaria nell’impianto di etilene della Versalis, azienda del gruppo Eni.

Ancora da accertare le cause della caduta. Sembra che i due operai stessero posizionando una telecamera in un pozzetto di piccole dimensioni, 40 centimetri per lato. I colleghi e gli addetti alla sicurezza hanno recuperato i due uomini e hanno provato a rianimarli con un massaggio cardiaco ma la botta e le esalazioni sono risultate fatali. Il pm Tommaso Pagano ha disposto il sequestro dell’area.

Intanto, il sindacato unitario ha indetto per il 10 settembre lo sciopero generale di tutta la zona industriale, dando appuntamento alle 6.30 davanti alla portineria centrale del polo petrolchimico. I segretari di Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto al prefetto Armando Gradone la convocazione di un tavolo di emergenza per la sicurezza nella zona industriale alla presenza di tutte le aziende del polo. “Ci stringiamo forte alle famiglie. Ancora una volta si tratta di una tragedia annunciata vista la continua assenza di controlli nell’assegnazione degli appalti”, hanno detto Claudio Barone, segretario della Uil Sicilia, ed Emanuele Sorrentino della Uiltec.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telecom, 3mila esuberi da gestire con la solidarietà. Cgil: “Continua ricatto a governo”

next
Articolo Successivo

Potenza, presidio contro l’Eni e la Regione: “Rispettate gli accordi”

next