L’annuncio risale a giugno: Netflix sarebbe arrivato anche in Italia a ottobre per offrire in streaming film e serie tv attraverso una connessione web. E ora Wired svela le tariffe della piattaforma Usa di video on demand, già presente in Francia, Germania, Austria, Svizzera, Belgio e Lussemburgo.

Le possibilità di abbonamento sono tre, e l’importo varia anche a seconda dei dispositivi che si possono collegare al servizio. Il più economico è quello base, che costa 7,99 euro al mese e prevede contenuti in qualità standard. Possibile visionarli solo da un dispositivo. Poi c’è l’opzione da 8,99 euro al mese per il Full HD e che consente l’utilizzo da parte di due utenti e infine il pacchetto da 11,99 euro al mese, che include anche i contenuti in streaming in 4K. In questo caso l’uso è consentito fino a quattro persone. A supportare lo streaming tutti gli smartphone, pc, smart tv, console di Playstation, Xbox e Wii U oltre a Apple TV e Vodafone Station.

A Wired, il Chief Product Officer di Netflix Neil Hunt dall’IFA 2015 di Berlino ha spiegato che per usufruire del servizio in streaming – pur bastando una connessione da 0,5 Mbps – è consigliato un collegamento da “almeno 1,5 mega, cioè il minimo necessario per accedere alla qualità standard (SD)”. Per quanto riguarda invece l’Hd sono necessari 3 Mbps, che salgono a 15 per il 4k. I contenuti saranno tutti disponibili in lingua originale e sottotitolati. Alcuni però presenteranno anche un audio alternativo.

Secondo quanto già emerso nei mesi scorsi, tra i contenuti offerti dalla piattaforma ci saranno anche la serie tv originale Narcos, che racconta la storia del traffico di droga del cartello di Pablo Escobar, Club de Cuervos, e Marvel’s Jessica Jones, la seconda di quattro serie Marvel in esclusiva su Netflix, culminanti con la speciale mini-serie The Defenders, che riunirà i personaggi delle quattro serie precedenti. A disposizione anche i primi film originali di Neflix, tra cui Beasts of No Nation, presentato nei giorni scorsi al Festival di Venezia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adult Player, l’app porno che “sequestra” lo smartphone e chiede il riscatto

next
Articolo Successivo

Facebook, cambiano le pagine: il social diventa “centro commerciale online”

next