Emergency ha aperto oggi un nuovo ambulatorio a Napoli, nel quartiere Ponticelli. La struttura, messa a disposizione dal Comune, è stata ristrutturata e dotata di attrezzature a spese dell’associazione, anche grazie al contributo della Tavola valdese e ai fondi raccolti con campagna solidale: “La salute è un diritto di tutti“.

Il centro offrirà gratuitamente, come da prassi per Emergency, servizi di medicina di base e di orientamento socio-sanitario per rendere più facile e diretto l’accesso alle cure a tutti coloro che ne avranno bisogno. A disposizione ci sarà anche un ambulatorio infermieristico per iniezioni, controlli dei parametri vitali, monitoraggio della terapia e medicazioni. Le attività della struttura, che sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18, potranno contribuire anche a ridurre – secondo quanto riporta una nota dell’associazione – gli accessi impropri alle strutture di pronto soccorso cittadine, evitando lunghe attese e l’intasamento dei servizi di primo soccorso.

“Siamo felici dell’apertura dell’ambulatorio, nato d’intesa con il Comune di Napoli – ha detto Cecilia Strada, presidente di Emergency – Stiamo lavorando sempre di più in Italia per offrire assistenza e orientamento sanitario perché anche le fasce più vulnerabili della popolazione abbiano accesso alle cure, senza nessuna discriminazione”. A commentare l’inaugurazione del centro, anche il sindaco della città partenopea, Luigi de Magistris: “Sembrava un sogno, invece oggi è tutto vero. Ci abbiamo messo tutto l’impegno dell’amministrazione. Ci sarà – ha aggiunto il primo cittadino – anche un presidio di solidarietà e accoglienza, dove vince e si afferma l’amore per chi resta un passo indietro per povertà e bisogno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regione Lombardia: vera riforma sanitaria o solita spartizione di poltrone?

prev
Articolo Successivo

‘Ragazzi’, un appellativo che ci infastidisce

next