Emergency ha aperto oggi un nuovo ambulatorio a Napoli, nel quartiere Ponticelli. La struttura, messa a disposizione dal Comune, è stata ristrutturata e dotata di attrezzature a spese dell’associazione, anche grazie al contributo della Tavola valdese e ai fondi raccolti con campagna solidale: “La salute è un diritto di tutti“.

Il centro offrirà gratuitamente, come da prassi per Emergency, servizi di medicina di base e di orientamento socio-sanitario per rendere più facile e diretto l’accesso alle cure a tutti coloro che ne avranno bisogno. A disposizione ci sarà anche un ambulatorio infermieristico per iniezioni, controlli dei parametri vitali, monitoraggio della terapia e medicazioni. Le attività della struttura, che sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18, potranno contribuire anche a ridurre – secondo quanto riporta una nota dell’associazione – gli accessi impropri alle strutture di pronto soccorso cittadine, evitando lunghe attese e l’intasamento dei servizi di primo soccorso.

“Siamo felici dell’apertura dell’ambulatorio, nato d’intesa con il Comune di Napoli – ha detto Cecilia Strada, presidente di Emergency – Stiamo lavorando sempre di più in Italia per offrire assistenza e orientamento sanitario perché anche le fasce più vulnerabili della popolazione abbiano accesso alle cure, senza nessuna discriminazione”. A commentare l’inaugurazione del centro, anche il sindaco della città partenopea, Luigi de Magistris: “Sembrava un sogno, invece oggi è tutto vero. Ci abbiamo messo tutto l’impegno dell’amministrazione. Ci sarà – ha aggiunto il primo cittadino – anche un presidio di solidarietà e accoglienza, dove vince e si afferma l’amore per chi resta un passo indietro per povertà e bisogno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regione Lombardia: vera riforma sanitaria o solita spartizione di poltrone?

next
Articolo Successivo

‘Ragazzi’, un appellativo che ci infastidisce

next