Il video è stato girato nei pressi del villaggio cisgiordano di Nabi Salih, dove le proteste dei palestinesi contro gli insediamenti israeliani sono all’ordine del giorno. Venerdì 28 agosto, durante alcuni scontri, un soldato israeliano si è lanciato nell’inseguimento di un dodicenne. Il bambino, con un braccio ingessato, viene immobilizzato dal militare e comincia ad urlare. In pochi istanti alcune donne palestinesi sono addosso al soldato, che viene preso a pugni nel tentativo di liberare il bambino. L’esercito israeliano dichiara che il dodicenne era stato visto lanciare sassi, e che i soldati non si erano resi conto che si trattasse di un bambino. Un attivista straniero ha invece dichiarato al quotidiano israeliano Haaretz che nessuno ha visto il ragazzino lanciare pietre, e che era impossibile non accorgersi che si trattasse di un bambino. Alla fine i militari, vessati da altri bambini e dalle donne palestinesi intervenute, hanno rinunciato all’arresto, non senza gettare in mezzo alle donne e ai bambini una granata assordante. L’organizzazione per i diritti B’Tselem ha dichiarato che dal maggio scorso 163 bambini palestinesi hanno subito la detenzione da parte dell’esercito israeliano

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, in 26 su un altro tir in Austria: ‘Gravi 3 bimbi’. Grecia, 59 su yacht: ’15enne morto per sparatoria con scafisti’

next
Articolo Successivo

Virginia, ragazzo afroamericano malato muore in cella. Rubò merce per 5 dollari

next