senato675

La clinica universitaria deve sterilizzare le camere operatorie: ci sono batteri resistenti; le operazioni riescono ma i pazienti muoiono per infezioni post operatorie. Servono soldi. Prendiamoli da quelli stanziati per ampliare il padiglione di medicina generale.

Il primario insorge: non se ne parla nemmeno, è cosa ingiusta, farò tutto quello che posso per bloccarvi; e in effetti ha il potere di farlo, almeno per molti anni. Quando tutti sono spaventati: ok, non mi oppongo più; però voi fate assumere la mia amante alle Poste.

Qualcuno va in Procura e racconta i fatti. Il primario (pubblico ufficiale) è incriminato per concussione per induzione: omette di opporsi (come dovrebbe, secondo lui l’iniziativa è ingiusta) in cambio di un vantaggio personale (suo e dell’amante). Da 6 a 10 anni. Se avesse proposto di aderire all’iniziativa in cambio della promessa di provvedere all’ampliamento l’anno successivo e di assumere 5 nuovi medici, niente da ridire: è un vantaggio per l’ospedale, non personale.

Ieri Calderoli ha ricattato il Parlamento: “ho 500.000 emendamenti che bloccheranno sine die la riforma del Senato. Però, se vi adoperate per concedere la grazia a tale Monella che sta in galera per aver ammazzato un ladro che stava scappando sparandogli dal balcone, lascio perdere“. Avesse detto: “Se vi adoperate per una nuova legge che autorizzi l’uso delle armi nei confronti dei ladri” (anche di quelli che scappano), tutto bene. Ritiene che i cittadini sarebbero più sicuri; occorrono alleanze per realizzare una legge; qualcosa deve dare in cambio. Ma barattare l’interesse collettivo (la riforma del Senato, giusta o sbagliata che sia) in cambio di un interesse personale (quello di Monella e quello del suo partito) non si può: è un reato. La Procura di Roma farebbe bene a pensarci; artt. 56 e 319 quater cp.

il Fatto Quotidiano 26 agosto 2015

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Voto di scambio, relatore Pd: “Dopo riforma serve legge su interpretazione”

next
Articolo Successivo

Renzi, polemiche dopo battuta su Teramo in serie D. Il sindaco: “Deve dimettersi”

next