Una sanzione complessiva da mezzo milione di euro per quattro siti leader nel commercio online. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha in particolare multato Kgegl, Moonlooker, Il Mercato dell’Affare e Zionsmartshop per pratiche commerciali considerate ingannevoli e aggressive. Numerose segnalazioni sono arrivate all’Antitrust da parte dei consumatori sulla scorrettezza dei quattro operatori e-commerce, in particolare “nella diffusione di informazioni non veritiere sulla disponibilità e sui tempi di consegna dei prodotti offerti e nell’opporre difficoltà di varia natura al rimborso delle somme pagate per prodotti che non venivano consegnati ovvero all’esercizio di alcuni diritti contrattuali dei clienti, come per esempio il recesso”, fa sapere il garante.

Sono intanto in arrivo le nuove regole per i cofanetti Smartbox, che consentiranno di cambiare il regalo “senza limiti di tempo e senza spesa”. Una modifica che chiuderà la procedura per pratiche commerciali scorrette, che l’Antitrust aveva avviato all’inizio dell’anno contro Smartbox e Smart&Co. Le due società hanno presentato una proposta di impegni, che è stata accolta dall’Autorità, ma in caso di inottemperanza scatteranno le sanzioni e si potrà arrivare fino alla sospensione dell’attività fino a 30 giorni. Un primo passo è stato già fatto appunto dalla società Smartbox, che “ha provveduto ad adeguare le condizioni generali di vendita, sul sito internet, a partire dal mese di maggio scorso. Di conseguenza i clienti che hanno acquistato un cofanetto on line, tra il 13 giugno 2014 ed il 30 aprile 2015, potranno godere di un termine per l’esercizio del diritto di recesso pari a 12 mesi più 14 giorni. Inoltre dai cofanetti della prossima collezione italiana, in uscita a settembre 2015, sarà scritto che le offerte dei partner incluse sono utilizzabili almeno fino al 31 marzo 2017. Dopo questa data l’assegno regalo potrà essere cambiato “senza limiti di tempo e senza spese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tasse e rincari, Federconsumatori: “In arrivo stangata da 1.760 euro per le famiglie”

prev
Articolo Successivo

Borse ancora a picco in Asia. Shanghai chiude a -7,63%. Europa rimbalza

next