E’ fuori pericolo la bambina che domenica sera 9 agosto è stata azzannata al volto da un rottweiler a Pino Torinese. La bimba di undici anni è stata sottoposta a una operazione di chirurgia maxillo facciale, dopo essere stata soccorsa e trasportata dal 118, scortata prima dai carabinieri di Chieri e poi dalla polizia municipale, al pronto soccorso dell’ospedale torinese Regina Margherita.

L’aggressione era avvenuta intorno alle otto e mezza di ieri sera, mentre la bambina era insieme ai genitori a casa di amici con altri bimbi presenti e stava giocando con il cane che l’ha attaccata, provocandole ferite gravi al viso. La piccola si sarebbe avvicinata troppo al cane, che era legato a una catena. Sul fatto indagano i carabinieri.

Episodi del genere sono accaduti quest’anno diverse volte. Ad esempio, l’8 giugno a Lecce un cane pastore tedesco ha azzannato la mano di un tredicenne, provocandogli  ferite lievi e, sempre nella città pugliese, pochi giorni prima una bambina di tre anni era stata aggredita da un pitbull nella casa dei nonni materni, costringendo i medici ad amputarle una gamba. Il cane era dello zio che, per la vicenda, è stato indagato per omessa custodia. Nel maggio scorso, inoltre, vicino Pordenone una bimba di due anni e mezzo è morta per le ferite troppo gravi, provocate dall’aggressione al collo da un pastore belga degli zii, che era andata a trovare insieme alla mamma.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accademia della Crusca, attacco hacker: sul sito spunta la bandiera dell’Isis

next
Articolo Successivo

Acqua, a Camerota (Cilento) c’è solo per i turisti. E il paese rimane a secco

next