Silvio Berlusconi riprova a vendere Villa Certosa, la sua residenza privata a Porto Rotondo, in Sardegna, che è sul mercato dal 2007. Il probabile acquirente, secondo quanto scritto dal Corriere della Sera, è Mohammed bin Nayaef, l’erede al trono designato a succedere al re saudita Salman bin Abdelaziz al Saud. Erede, dunque, di una delle famiglie più ricche del mondo. Il Cavaliere, che per l’occasione è rientrato in Sardegna in anticipo – era impegnato a Roma nei giorni del rinnovo delle cariche Rai – ha voluto personalmente mostrare l’enorme residenza (4.500 metri quadrati) di Porto Rotondo al membro della famiglia reale saudita. Il prezzo di vendita è intorno ai 500 milioni di euro e l’offerta degli arabi, al termine di una trattativa iniziata alcuni mesi fa, non sembra essere molto distante.

Secondo il quotidiano di via Solferino il giro di Villa Certosa, proprietà del leader di Forza Italia dalla fine degli anni Settanta, è durato circa cinque ore, nelle quali Berlusconi ha mostrato a Nayaef tutte le principali attrazioni della tenuta: un parco di 120 ettari, un complesso residenziale di centoventisei stanze, un anfiteatro, i laghetti e i sistemi di sicurezza che garantirebbero la privacy della famiglia reale di Riyad. Che a metà luglio ha deciso di abbandonare una villa in Costa Azzurra perché i residenti si opponevano alla chiusura al pubblico della spiaggia sotto la residenza. In particolare, l’ex premier si è soffermato con il successore al trono saudita sulla “grotta delle stelle”, approdo artificiale creato all’interno di una roccia che consente di raggiungere direttamente il mare, passando da un sotterraneo. Con tanto di volta che si illumina creando l’effetto di un cielo stellato.

Non è chiaro se sia proprio Nayaef a essere intenzionato a comprare la residenza sarda o se il principe saudita stia trattando per conto del sovrano Salman, che “non tratta mai personalmente nessun affare” come hanno fatto sapere fonti diplomatiche che hanno organizzato la visita dell’erede al trono.

Berlusconi, che negli ultimi due anni è tornato alla Certosa soltanto tre volte, in passato ha già provato a vendere l’enorme residenza ad alcuni oligarchi russi vicini al suo amico Vladimir Putin e ai reali Al Nayah di Abu Dhabi. Ma nulla di fatto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, Eni pronta a tornare dopo gli accordi sul nucleare: “Si tratta sui contratti”

prev
Articolo Successivo

Cisl, nuovo caso stipendi sindacalisti. Un iscritto segnala eccessi e viene espulso

next