La sonda New Horizons della Nasa ha raggiunto Plutone alle 13.49 italiane. Successo per la missione della agenzia governativa in quello che viene considerato un evento storico nella storia delle missioni spaziali: New Horizons è passata infatti a 12.500 chilometri dalla superficie del pianeta nano e dalla sua luna Caronte, ai confini del Sistema Solare.

Il viaggio della sonda, lanciata nel 2006, pochi mesi prima che il corpo celeste perdesse il proprio status di pianeta, è durato 9 anni e sono stati percorsi 3 miliardi di chilometri.

L’agenzia spaziale, 16 ore prima dell’incontro, aveva pubblicato su Instagram un’immagine del momento in cui la sonda si trovava a 766mila chilometri dalla superficie del pianeta. Nella serata di martedì, in Italia, sulle pagine social della Nasa sarà possibile, seguendo l’hashtag #asknasa, fare domande agli ingegneri dell’agenzia spaziale americana a proposito del flyby, come gli esperti chiamano il passaggio “radente”.

A differenza di Rosetta, sbarcata l’anno scorso sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, la navicella non si poserà su Plutone. Proseguirà invece la sua esplorazione verso la fascia di Kuiper, la culla delle comete.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Plutone, la sonda New Horizons incontra il pianeta dopo un viaggio lungo nove anni (FOTO)

prev
Articolo Successivo

Obesità, uno studio sui pesci per far luce sul gene dell’eccessivo appetito

next