Valter Zanardi è un neurologo in pensione che vive a Padova, sono riuscito a dire una frase di senso compiuto, significa che i miei neuroni funzionano ancora. Non è facile la condizione del pensionato, la domanda che sorge spesso è “Che fare?”. Dopo avere visto un video di Maddalena Balsamo dove si parlava del ‘Piccolo principe’, il nostro caro Valter ha deciso di fare un controvideo di risposta e così è nata la sua carriera di youtuber. Recentemente ha raggiunto 1000 iscrizioni, non sono molti, neanche pochissimi, sono 1000 teste più o meno pensanti che lo seguono.

Un giorno ho trovato un commento a un mio video, era di Valter, incuriosito sono andato a spulciare nel suo canale e mi sono trovato davanti a un uomo bello, direi bellissimo (secondo i miei gusti), intelligente, autoironico, colto, raffinato, sensibile, simpatico, prolisso (Valter, quanto sei prolisso, ma ti voglio bene) e soprattutto mite, un uomo mite. La sua mitezza è accogliente, è tepore e profondità, e instancabilmente elabora pensieri, concetti, riflessioni, a volte ci sono guizzi teatrali, e in particolare sono affezionato a un video dove adagiato su un divano rosso Valter parla accarezzandosi con naturalezza i piedi nudi. Di solito detesto vedere i piedi delle persone, ma i piedi di Valter sono buoni, belli e miti come il suo carattere, mi ha dato una sensazione di serenità, di un uomo che sta bene con se stesso, e questo è il segreto del suo essere mite.

Spesso nei suoi video Valter propone delle letture di libri che ama, crede ancora nella cultura, nella trasmissione del sapere, della bellezza e delle emozioni. Mi ha fatto anche l’onore di leggere alcuni miei versi. Dopo due o tre video di reciproca ammirazione abbiamo deciso di conoscerci personalmente e sono andato a Padova.

La prima cosa che mi ha colpito è il suo modo di camminare, non l’avevo mai visto camminare nei suoi video, cammina in modo strano, c’è qualcosa di scomposto e fanciullesco nei suoi passi, cammina in modo allegro, sì, in modo giocoso. Valter non è triste, a volte sembra triste, altre volte la tristezza è un nutrimento necessario, ma Valter è giocoso, quindi è giovane. Un uomo mite, in pace con se stesso e giovane, anche se pensionato. Siamo stati bene assieme e la mia ammirazione nei suoi confronti si è fatta più forte, lui non ne parla mai ma nella sua professione di neurologo era bravo, e grazie al suo intuito e alla sua ostinazione ha salvato alcune vite, e non è poco, non è poco salvare qualcuno. La mia stima e la mia simpatia nei suoi confronti è incondizionata.
Appassionato di arte, conversatore gentile e curioso, ospite delizioso. E mi ripeto: mite. In questo mondo chiassoso e superficiale non è poco neanche essere miti. Un mito, Valter è un mito. Finiamola così altrimenti divento prolisso come Valter.

Pensiero del giorno:

Svegliarsi all’alba, camminare per la città ancora assopita quando
i divieti dormono e i sensi unici hanno due sensi, quando passare
con il rosso non fa male a nessuno, svegliarsi quando la luce è vergine,
nuda e folle di vita, e inoltrarsi in questo giorno appena nato, in questo
giorno che crea forme e simboli dalle viscere accese del mattino.
Svegliarsi all’alba è divino, ma anche profondamente umano.
Poi torna la cogenza del divieto, e il traffico, le tribolazioni, le attese
e gli appuntamenti, e gli uomini perdono l’innocenza dell’essere
additandosi, mescolandosi, urtandosi, credendosi felici o tristi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Micronazioni, conferenza ad Alcatraz (quella in Umbria) per costituire la “mini Onu”

prev
Articolo Successivo

Pubblicità e turismo, che noia Rimini solo sesso e junk food

next