Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha firmato le nuove linee guida della legge sulla fecondazione assistita, che entreranno in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Saranno così date indicazioni sull’accesso alla fecondazione eterologa, mentre per i donatori occorrerà aspettare il testo di un nuovo regolamento, già approvato dal Consiglio superiore di sanità. Sarà inoltre possibile la doppia donazione, sia di ovociti, sia di seme, ma non sarà possibile fare la selezione delle caratteristiche fisiche. Un’altra novità riguarderà le cartelle cliniche: dovranno essere compilate con più dettagli. La nuova normativa deriva anche dalla sentenza della Corte costituzionale. 

“Dopo l’istituzione del Registro nazionale dei donatori – spiega Lorenzin – questo è il secondo importante passo per l’aggiornamento dell’intero quadro normativo che regola la Procreazione Medicalmente assistita in Italia”. Il ministro ha aggiunto che presto arriveranno i decreti sul consenso informato e sui cosiddetti “embrioni abbandonati“, e il recepimento delle normative europee sulla donazione dei gameti, le cellule sessuali. “È stato un lavoro corposo e impegnativo – racconta Lorenzin – portato avanti anche grazie al contributo dei maggiori esperti italiani di settore convocati ai tavoli di lavoro già da luglio dello scorso anno. Questa serie di provvedimenti, insieme all’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza (che includeranno anche i trattamenti di Pma) contribuirà a conferire certezza al quadro normativo e a migliorare accesso e qualità dei percorsi in questo ambito così delicato del Sistema sanitario nazionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook arcobaleno: gli italiani dimostrano di essere più avanti dei loro governanti

prev
Articolo Successivo

Gay Pride: l’onda non si ferma e arriva ‘in periferia’

next