È uscito dal carcere di Sulmona questa mattina Domenico Belfiore, condannato definitivamente all’ergastolo come mandante dell’omicidio di Bruno Caccia, il procuratore capo di Torino ucciso il 26 giugno 1983 e primo magistrato ammazzato dalla criminalità organizzata al nord. La decisione è stata presa dal magistrato di sorveglianza dell’Aquila dopo le istanze di scarcerazione degli avvocati Giuseppe Cherubino e Pasquale Milo motivate dai gravi motivi di salute di Belfiore.

Nei mesi scorsi l’uomo, malato di tumore, era stato ricoverato a Sulmona per un intervento. Tornato in carcere le sue condizioni di salute si sono aggravate e adesso l’uomo ha perso venti chili e ne pesa circa 50. Entro trenta giorni il tribunale di sorveglianza dovrà fissare una nuova udienza nella quale, in composizione collegiale, valuterà nel dettaglio la decisione del magistrato. Belfiore per ora verrà trasferito ai domiciliari in Piemonte, dalla sua famiglia.

Belfiore venne condannato all’ergastolo nel 1993. Gli investigatori erano arrivati a lui grazie alla collaborazione di Francesco Miano, esponente del clan dei catanesi che in carcere aveva raccolto le dichiarazioni del calabrese, il quale sosteneva che a uccidere il giudice era stata la ‘ndrangheta. Gli avvocati di Belfiore, però, sottolineano come l’uomo non sia mai stato condannato per associazione mafiosa. Sull’omicidio di Caccia esistono ancora alcuni dubbi. La procura di Milano ha riaperto le indagini dopo le denunce dell’avvocato della famiglia Caccia, Fabio Repici, contro Rosario Pio Cattafi, avvocato e boss messinese detenuto al 41bis, e Demetrio Latella detto “Luciano”, un sicario attivo nel Nord Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage Borsellino, Scarantino racconta in aula il depistaggio di Stato: “Costretto a dire il falso da pm e poliziotti”

prev
Articolo Successivo

Festival Trame, Treccani ospiterà il dizionario biografico vittime delle mafie

next